La polizia sul luogo di un crimine nel quartiere di Mutakura, a Bujumbura, il 5 novembre.

Il Burundi sull’orlo del caos

26 novembre 2015 14:51

Nella notte tra il 21 e il 22 novembre almeno quattro civili sono stati uccisi a Bujumbura, la capitale del Burundi, durante degli scontri con la polizia. Secondo le autorità burundesi c’è stata una sparatoria dopo che gli agenti sono entrati in un bar per arrestare un gruppo di giovani che stava preparando un attentato.

Dall’aprile del 2015 ci sono stati numerosi episodi di violenza tra le forze dell’ordine e gli oppositori del governo del presidente Pierre Nkurunziza. L’opposizione contesta il terzo mandato del presidente, conquistato con le elezioni del 21 luglio. Secondo l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, negli ultimi sei mesi in Burundi ci sono stati almeno 240 omicidi. Anche se gli episodi di violenza sono da attribuire a tutte le parti coinvolte nel conflitto, le forze di sicurezza si sono rese colpevoli di esecuzioni extragiudiziali, arresti arbitrari e abusi in varie città del paese, tra cui varie limitazioni della libertà di espressione. Il 25 novembre il ministero dell’interno ha temporaneamente vietato le attività di alcune ong locali, tra cui quella di Marguerite Barankitse, premio Chirac nel 2008 per il suo lavoro in aiuto degli orfani.

Secondo molti osservatori il Burundi è sull’orlo di una guerra civile, al punto che alcuni cittadini europei e statunitensi hanno cominciato a lasciare il paese. Il 23 novembre Barack Obama ha imposto delle sanzioni economiche (blocco di beni, conti bancari a accordi finanziari) ad alcune personalità del governo di Bujumbura.

L’autore di queste foto, scattate a Bujumbura nel novembre del 2015, vuole restare anonimo per questioni di sicurezza.

pubblicità