06 febbraio 2017 17:40

Nel 1941 la casa editrice Limited Editions Book Blub chiede a Edward Weston di illustrare una nuova edizione di Foglie d’erba di Walt Whitman. Entusiasta della proposta, il fotografo parte con la moglie Charis Wilson in un viaggio di otto mesi alla scoperta dell’America raccontata nei versi del poeta statunitense.

Comincia così un progetto tra i meno conosciuti nella produzione di Weston, uno dei fotografi fondamentali della prima metà del novecento. Maestro rigoroso, sempre alla ricerca della perfezione formale, nel 1932 è tra i fondatori con Ansel Adams e altri colleghi del Gruppo f/64, pensato per prendere le distanze dalle tendenze pittorialiste e ricercare un approccio più essenziale e diretto alla fotografia.

Il viaggio si rivela un’esperienza molto positiva per Weston, che torna a casa con centinaia di scatti. Non può dire lo stesso dell’intero progetto editoriale, che giudica un fallimento assoluto. Le foto sono circondate da pagine e cornici verdi, un colore decisamente non adatto a valorizzare l’eleganza del suo bianco e nero. Inoltre le immagini sono accostate ai versi del poeta, una scelta che secondo il fotografo sminuisce la sua visione.

Ora 25 immagini del progetto sono esposte nella mostra Real american places: Edward Weston and Leaves of grass, organizzata da The Huntington, un’importante biblioteca e centro di ricerca di San Marino, in California, a cui Weston aveva donato novanta foto del suo viaggio. Per Jennifer Watts, curatrice della mostra, è giunto il momento di conoscere meglio questo lavoro, rimasto troppo a lungo nel dimenticatoio: “In questa serie ci sono dei capolavori, assolutamente all’altezza dei suoi scatti migliori. D’altronde il progetto su Foglie d’erba arrivò quando Weston era all’apice della sua carriera. Nonostante le sfide che portava con sé un’impresa del genere, la sua maestria risplende ovunque”.

La mostra sarà aperta fino al 20 marzo 2017.