Un pompiere vicino al villaggio di Fato. (Rafael Marchante, Reuters/Contrasto)

Il Portogallo in fiamme

19 giugno 2017 13:37

Più di mille pompieri sono ancora al lavoro nel centro del Portogallo per domare il gigantesco incendio che ha causato la morte di almeno 62 persone. Nonostante il lieve calo delle temperature, l’incendio, scoppiato il 17 giugno a Pedrógão Grande, continua a infuriare e dilaga nelle vicine regioni di Castelo Branco e Coimbra. Secondo la protezione civile “il rischio d’incendio è massimo” nel centro del paese.

Le autorità hanno dichiarato che gran parte delle vittime è morta in auto mentre percorrevano la statale tra Figueiró dos Vinho e Castanheira de Pêra. Altri corpi sono stati trovati nei casolari isolati. Il premier Antonio Costa ha chiesto agli abitanti di rispettare gli ordini di evacuazione, poiché alcuni fanno resistenza ad abbandonare le loro abitazioni.

La polizia è riuscita a determinare che all’origine dell’incendio ci sarebbe un temporale senza pioggia e ha scartato la pista dolosa dopo aver rinvenuto un albero colpito da un fulmine. Le fiamme sono state favorite anche dalle altissime temperatue raggiunte nel paese nel fine settimana. Aerei antincendio spagnoli, francesi e italiani sono arrivati per aiutare nel quadro del meccanismo europeo di protezione civile attivato su richiesta di Lisbona.

Le foto sono state scattate il 18 giugno 2017.

pubblicità

Articolo successivo

La partita che Donald Trump sta vincendo
Alessio Marchionna