Muraglia cinese, dalla sezione Hiding in the city. (Courtesy Boxart, Verona)

L’uomo invisibile

20 marzo 2018 17:39

Quando nel 2005 l’amministrazione di Pechino decise di smantellare il Suojia village – il quartiere che accoglieva numerosi studi di artisti nella capitale cinese – Liu Bolin mise in piedi la protesta che l’avrebbe reso famoso in tutto il mondo come “l’uomo invisibile”. Affidandosi all’arte del camouflage, lo scultore si fece dipingere il corpo per mimetizzarsi tra le macerie del suo studio raso al suolo.

La protesta è diventata virale e ha dato inizio a un percorso artistico che ha al centro la denuncia sociale. Confuso tra gli scaffali stracolmi dei supermercati o tra i rifiuti di una discarica di Bangalore, in India, Bolin spinge le persone a riflettere sui luoghi dove si mimetizza.

Le immagini che ritraggono le sue performance sono in mostra al complesso del Vittoriano di Roma fino al 1 luglio 2018. Liu Bolin. The invisible man, curata da Raffaele Gavarro, si articola in sette sezioni che ripercorrono le fasi della ricerca dell’artista cinese: dalle prime sperimentazioni di Hiding in the city al viaggio in Italia.

Il percorso continua con Hiding in the rest of the world, che segue i viaggi di Bolin a Londra, Parigi, New York e Bangalore, e poi Shelves, una critica alla società consumistica. Infine, la sezione Migrant aiuta a riflettere sulla questione dei flussi migratori, mentre Fade in Italy è dedicata alle tradizioni italiane e Cooperations raccoglie le opere realizzate per aziende di moda e i ritratti ad artisti internazionali.

pubblicità