Shoes polisher, Rocky II, etc, Piccadilly, 1980. (William Klein)

La ribellione di Soho

07 gennaio 2020 16:27

La fama di Soho è sempre stata legata all’industria del sesso, alla criminalità e alle esperienze culturali più radicali e alternative nate a Londra. Inoltre fin dal diciassettesimo secolo è stato l’approdo delle comunità di immigrati arrivate nella capitale britannica.

La mostra Shot in Soho, alla Photographers’ gallery di Londra fino al 9 febbraio, rende omaggio alla vitalità di questo piccolo quartiere nel West end, mettendo insieme i lavori di quei fotografi che ne hanno colto lo spirito caotico, complesso e in movimento. L’obiettivo dell’esposizione è anche quello di parlare di Soho come un luogo di resistenza, dove gli abitanti hanno combattuto contro la gentrificazione e per conservare il carattere disobbediente, diverso e imprevedibile.

Tra i lavori esposti ci sono gli scatti che William Klein realizzò per il Sunday Times negli anni ottanta, la serie Soho (2011) di Anders Petersen, le uscite notturne di Kelvin Brodie con la polizia, i camerini delle spogliarelliste di John Goldblatt, i servizi editoriali di Corinne Day per riviste come The Face e le serate di Clancy Gebler Davies al Colony room club. La mostra include anche il lavoro commissionato al giovane fotografo irlandese Daragh Soden.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.