18 maggio 2020 17:30

Per la copertina del numero 1358 di Internazionale, 24 ore in Italia, l’8 maggio quaranta giornalisti, scrittrici e fotografi hanno incontrato decine di persone, dal Friuli-Venezia Giulia alla Sicilia, per raccontare paure, difficoltà e speranze nella prima settimana della fase due, dopo la fine dell’isolamento.

La fotografa Roselena Ramistella era a Palermo e ha seguito la sua città dall’alba alle 10. “Sono partita da Ballarò alle 3.45. La città era completamente vuota, compreso il mercato. A tenermi compagnia c’erano solo le luci che provenivano dalle finestre di alcune case”, racconta. Così alle 4 si è spostata al mercato ortofrutticolo, ai piedi di monte Pellegrino, che invece a quell’ora era già pieno di vita, con i camionisti e gli agricoltori in fila per entrare, uno alla volta.

Tornata a Ballarò il mercato era aperto e ha potuto ritrarre alcuni commercianti. “Fischiavano, discutevano, chiedendosi come andrà a finire il campionato. Mi sono imbattuta in tante storie di solitudine e difficoltà economiche. Mi piace parlare con le persone che fotografo. In questo periodo mi sembra che ci sia tanta voglia di condividere quello che stiamo vivendo”.

Alle 9 è arrivata in uno dei suoi posti preferiti, piazza Magione: “C’era un ragazzo che faceva trazioni alla sbarra a testa in giù. Mi è sembrata quasi una metafora di questo momento”. Infine, è passata per via Maqueda e poi si è addentrata per i vicoli della città.

L’articolo di copertina si può leggere anche sul sito, con foto, video e audio.