20 maggio 2020 15:32

Gli studenti sudcoreani tornano in classe

Dopo cinque mesi di chiusura, gli studenti sudcoreani cominciano a rientrare in classe a partire dal 20 maggio. Le autorità hanno dichiarato che il paese potrebbe aver scampato una seconda ondata di contagi e molte restrizioni sono state allentate. Secondo il New York Times, “la risposta della Corea del Sud alla ripartenza della scuola può servire come modello per i paesi che stanno uscendo dai lockdown”.

Le scuole riapriranno a tappe e seguendo alcune misure di sicurezza. Il 20 maggio tocca a 450mila studenti dell’ultimo anno di liceo. I ragazzi devono indossare le mascherine, sottoporsi al controllo della temperatura all’ingresso e disinfettarsi le mani prima di entrare in classe. All’interno delle aule l’arredamento non essenziale è stato spostato per consentire il distanziamento sociale. Tutte le attività extracurriculari sono state sospese.

Il governo centrale ha lasciato alle autorità regionali la facoltà di decidere in dettaglio gli orari e i metodi di rientro per i vari gruppi di età. A Seoul, dove vive più del 15 per cento dei bambini in età scolastica del paese, e in altre zone gli studenti non andranno a scuola tutti i giorni e alterneranno le lezioni in classe con quelle online.

Se tutto andrà bene, le scuole elementari e medie riapriranno nelle settimane prossime. La maggior parte delle università invece ha ripreso le lezioni già all’inizio del mese. In Corea del Sud l’anno scolastico comincia a marzo, ma dato che i primi contagi di covid-19 si sono registrati alla fine di gennaio con picchi fino a mille casi al giorno a febbraio, gli studenti non sono rientrati dalla pausa invernale. La riapertura delle scuole è stata posticipata cinque volte e ad aprile è cominciata la didattica online.