Sono in aumento i casi di un’epatite acuta di origine sconosciuta che ha colpito alcuni bambini, la maggior parte sotto i dieci anni. I primi casi sono stati segnalati il 5 aprile nel Regno Unito. Oggi i contagi sono circa duecento in dodici paesi, tra cui più della metà nel Regno Unito (114). Finora un bambino è morto e uno su dieci è stato sottoposto a trapianto di fegato. L’Organizzazione mondiale della sanità ha confermato che i casi non sono riconducibili ai cinque tipi noti di epatite virale (a, b, c, d, e). Un’ipotesi, scrive la Bbc, è che si tratti di un’epatite infettiva da adenovirus.

Questo articolo è uscito sul numero 1458 di Internazionale, a pagina 111. Compra questo numero | Abbonati