Il numero di giugno della rivista Letras Libres è dedicato all’istruzione superiore e al futuro delle università in Messico. Fin da quando si è insediata, nel 2018, l’amministrazione del presidente Andrés Manuel López Obrador (sinistra populista) ha portato avanti un attacco all’autonomia degli atenei e alla libertà accademica, “due condizioni fondamentali per la ricerca scientifica, la diffusione del pensiero critico e il diritto di mettere in discussione la realtà in cui viviamo e i suoi dogmi”. Obrador ha agito su vari fronti: ha tagliato i fondi per l’istruzione superiore, ha attaccato gli atenei definendoli culle del pensiero neoliberale, ne ha chiuso alcuni per motivi politici e ha nominato rettori aggirando le procedure. Letras Libres cita vari casi e dà spazio a molte testimonianze per sottolineare l’importanza delle università come spazi liberi per la discussione e la conoscenza. ◆

Questo articolo è uscito sul numero 1464 di Internazionale, a pagina 33. Compra questo numero | Abbonati