“Per la prima volta un gruppo di dipendenti della Apple negli Stati Uniti ha aderito a un sindacato di settore”, scrive The Verge. “È successo nel punto vendita dell’azienda a Towson, in Maryland, dove i lavoratori chiedono da tempo di avere voce in capitolo su retribuzione, orari e sicurezza sul luogo di lavoro”. L’azienda californiana è da sempre ostile ai sindacati: “In passato ha assoldato avvocati per contrastare gli sforzi dei lavoratori e ha chiesto ai responsabili dei negozi e degli uffici di sconsigliare ai dipendenti d’iscriversi al sindacato”. A maggio i lavoratori di un negozio di Atlanta avevano rinunciato al voto sull’adesione al sindacato sostenendo che il comportamento della Apple rendeva impossibile una consultazione corretta.

Questo articolo è uscito sul numero 1466 di Internazionale, a pagina 30. Compra questo numero | Abbonati