Il 18 ottobre la Commissione europea ha presentato un pacchetto studiato per coordinare gli acquisti di gas e condividere gli stoccaggi in caso d’emergenza, scrive Politico. Bruxelles chiede che nel 2023 i paesi dell’Unione europea comprino in comune il 15 per cento del gas. Entro l’aprile del 2023, inoltre, vuole creare un nuovo indice che permetta di stabilire il prezzo del gas naturale liquefatto. Sono previsti anche dei limiti al prezzo del gas naturale fissato nei contratti di fornitura attraverso il Title transfer facility (Ttf) di Amsterdam. Infine, ogni governo avrà dodici ore di tempo per rispondere alla richiesta
d’aiuto di un altro paese e tre giorni per soddisfarla in cambio di un’adeguata compensazione.

Questo articolo è uscito sul numero 1483 di Internazionale, a pagina 108. Compra questo numero | Abbonati