“Il 16 gennaio a Caracas e in altre città del paese gli insegnanti della scuola pubblica e i lavoratori dei settori edile, sanitario e siderurgico hanno manifestato contro la politica economica del governo del presidente Nicolás Maduro, chiedendo salari adeguati all’inflazione”, scrive la Reuters. Secondo i dati dell’Observatorio venezolano de finanzas, un ente privato formato da esperti vicini all’opposizione, alla fine del 2022 l’inflazione nel paese ha superato il 305 per cento e il bolívar, la moneta nazionale, si è svalutato del 73 per cento rispetto al dollaro, che ormai domina tutta l’economia, anche se in modo informale, si legge su Bbc mundo. Gli stipendi attuali, sostengono i lavoratori e le lavoratrici, non bastano a soddisfare le necessità di base. ◆

Questo articolo è uscito sul numero 1495 di Internazionale, a pagina 33. Compra questo numero | Abbonati