Riaperto il valico tra l’Egitto e la Striscia di Gaza

Il 2o gennaio è riaperto il valico di Rafah per tre giorni. Le autorità egiziane avevano ordinato agli abitanti della zona di sgomberare le case in seguito a due attentati, il 24 ottobre, in cui erano morti 31 soldati nel Sinai

Il presidente egiziano parla di un complotto organizzato da forze straniere

25 ottobre 2014 15:46

Il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi ha detto che l’attacco nel Sinai del 24 ottobre è stato “un’operazione finanziata dall’estero”.

In un discorso ai mezzi d’informazione prima dei funerali dei soldati uccisi, al Sisi ha detto che

l’obiettivo dell’attacco era indebolire l’Egitto e gli egiziani e minare la forza dell’esercito, che è considerato un pilastro del paese.

Il presidente non ha dato ulteriori spiegazioni, ma ha promesso di prendere misure drastiche per sradicare i miliziani attivi in Sinai. Ap

pubblicità

Articolo successivo

Perché è importante la vittoria di un democratico in Alabama 
Alessio Marchionna