In Egitto Hosni Mubarak sarà riprocessato per complicità nella morte dei manifestanti nel 2011

La corte di cassazione ha ordinato un nuovo processo per l’ex presidente egiziano, accusato di avere dato ordine alla polizia di reprimere le rivolte popolari del 2011, nelle quali morirono 846 manifestanti

La procura generale ha rilevato dei vizi di forma nel verdetto su Mubarak

02 dicembre 2014 12:17

La procura generale egiziana ha deciso di ricorrere in appello contro il verdetto che ha assolto l’ex presidente Hosni Mubarak dall’accusa di complicità per le morti avvenute durante le proteste contro il governo nel 2011. Secondo il pubblico ministero Hesham Barakat, un’analisi delle motivazioni del verdetto ha rivelato vizi di forma che hanno compromesso il giudizio.

L’appello è parte integrale del sistema giuridico egiziano ed era atteso. La corte d’appello deve decidere se accettare il ricorso e ordinare un nuovo processo oppure respingerlo, confermando il verdetto che ha assolto Mubarak. Reuters

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Allarme metano nell’atmosfera
Claudia Grisanti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.