Cosa abbiamo cercato su Google nel 2014

16 dicembre 2014 16:07


Google ha pubblicato la classifica dei temi di tendenza sul suo motore di ricerca nel 2014.

A livello globale queste sono state le parole più cercate dagli utenti:

  1. Robin Williams
  2. World Cup
  3. Ebola
  4. Malaysia Airlines
  5. ALS Ice Bucket Challenge
  6. Flappy Bird
  7. Conchita Wurst
  8. ISIS

In Italia:

  1. Mondiali 2014
  2. iPhone 6
  3. Robin Williams
  4. Grande Fratello
  5. Istanze on line
  6. Ebola
  7. Schumacher
  8. La grande bellezza

Gli italiani hanno anche cercato le risposte a molti perché:

  1. Vengono le blatte
  2. Pepa muore
  3. Bugiardino
  4. Energie rinnovabili
  5. Si soffre
  6. Vengono i pidocchi
  7. Guerra Vietnam
  8. Porcellum incostituzionale

L’analisi di Google su come abbiamo usato il motore di ricerca:

  • Cerchiamo per trovare un senso: le ricerche di “mappa Nigeria” sono più che raddoppiate in seguito alle azioni di Boko Haram. Quando la situazione in Ucraina è esplosa, le ricerche per “dov’è la Crimea” si sono moltiplicate per otto.
  • Le crisi politiche e umanitarie del 2014 hanno sollevato molte domande, con 14 volte più ricerche su “la storia di Gaza” e “la storia della Crimea”.
  • Ci sono voluti mesi perché si capisse la gravità dell’epidemia di ebola: in ottobre, le ricerche sono cresciute di 76 volte rispetto a marzo, al momento delle prime segnalazioni.
  • La Scozia ha detto no all’indipendenza, ma le ricerche raccontano un’altra storia: nei mesi precedenti al referendum, le ricerche nel Regno Unito per “Scozia sì” erano il triplo rispetto a “Scozia no”.
  • La ricerca di “teoria del complotto” è raddoppiata a breve distanza dalla scomparsa del volo MH370 della Malaysia Airlines.
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le donne irachene sfidano il potere 
Zuhair al Jezairy
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.