Le proteste contro Charlie Hebdo nel mondo

Le vignette su Maometto pubblicate nel nuovo numero di Charlie Hebdo hanno provocato proteste in tutto il mondo

Le proteste in giro per il mondo contro Charlie Hebdo

16 gennaio 2015 18:50

Manifestazioni, divieti, condanne e inchieste aperte contro giornali che hanno ripubblicato le vignette del settimanale francese Charlie Hebdo. Algeria, Sudan, Tunisia, Giordania, Gerusalemme Est, Pakistan, Afghanistan, Turchia, Iran, Senegal ed Egitto: le diverse reazioni alle vignette dell’ultimo numero del giornale satirico.

  • Algeria. In diverse città i manifestanti si sono riuniti con lo slogan “Io sono Mohammed”, diffuso sui social network, in risposta a “Je suis Charlie”. Ad Algeri migliaia di persone sono scese in strada oggi dopo la preghiera del venerdì, in risposta all’appello lanciato dai partiti e dalle organizzazioni islamiche.
  • Sudan. A Khartoum oggi centinaia di fedeli hanno manifestato dopo la preghiera. “Il governo francese deve presentare le sue scuse”, si leggeva su un cartello.
  • Tunisia. A Tunisi oggi alcuni fedeli hanno abbandonato la moschea El Fath in polemica contro l’imam Noureddine Khadmi, che durante la preghiera ha sostenuto che le offese al profeta non possono giustificare l’attentato di Parigi. L’attacco, ha detto Khadmi, è contrario a principi dell’islam e ha messo in pericolo tutti i musulmani che vivono all’estero. Alcuni fedeli hanno interrotto l’imam, affermando che i giornalisti di Charlie Hebdo “meritavano di essere uccisi per avere insultato diverse volte il profeta”.
Le proteste ad Amman, in Giordania, il 16 gennaio.
  • Giordania. Ad Amman, 2.500 manifestanti, esponenti dei Fratelli musulmani o di organizzazioni per i giovani musulmani, hanno protestato oggi sorvegliati dalle forze dell’ordine, con cartelli con la scritta “l’offesa al grande profeta favorisce il terrorismo mondiale”. Il re Abdullah II di Giordania ha definito la copertina di Charlie Hebdo “irresponsabile e incosciente”.
  • Gerusalemme Est. Centinaia di palestinesi si sono incontrati oggi sulla Spianata delle moschee, con cartelli con la scritta: “L’islam è una religione pacifica” e “Maometto sarà sempre la nostra guida”. Il 14 gennaio il muftì, la più alta autorità religiosa nei Territori palestinesi, aveva definito “un insulto” la copertina di Charlie Hebdo.
  • Pakistan. I manifestanti hanno protestato il 16 gennaio davanti al consolato francese a Karachi. Erano armati, secondo quanto riportato da un giornalista della Reuters. Gli agenti hanno lanciato gas lacrimogeni e usato idranti per disperdere la folla. Tre persone sono state ferite e sono ricoverate in ospedale. Tra i feriti c’è Asif Hasan, fotografo dell’Afp.
  • Afghanistan. I taliban afgani hanno condannato le vignette su Maometto pubblicate nell’ultimo numero di Charlie Hebdo perché “offendono la sensibilità di un miliardo e mezzo di musulmani”. “Condanniamo questo atto ripugnante e inumano, e consideriamo coloro che l’hanno commesso come nemici dell’umanità”, hanno scritto in un comunicato.
Le proteste a Khartum, in Sudan, il 16 gennaio.
  • Turchia. A Istanbul, il 15 gennaio un tribunale ha aperto un’inchiesta sul giornale turco Cumhuriyet per aver pubblicato alcune vignette del nuovo numero del giornale satirico francese Charlie Hebdo. Il giornale non aveva pubblicato la copertina con Maometto. Secondo l’agenzia stampa Anadolu, un tribunale locale della provincia di Diyarbakır, nel sudest del paese, ha ordinato di bloccare l’accesso ai siti internet che diffondono la copertina dell’ultimo numero Charlie Hebdo. “Coloro che non rispettano i sacri valori dei musulmani pubblicando immagini che si riferiscono al profeta Maometto stanno chiaramente commettendo una provocazione”, ha scritto il viceministro turco Yalçın Akdoğan su Twitter.
  • Iran. Il 14 gennaio il paese ha condannato il “gesto offensivo” dell’ultimo numero della rivista Charlie Hebdo. Secondo il portavoce della diplomazia iraniana, Marzieh Afkham, la vignetta ferisce “i sentimenti dei musulmani” e “può rilanciare un circolo vizioso del terrorismo”. “Condanniamo il terrorismo in tutto il mondo, ma allo stesso tempo condanniamo il gesto offensivo della rivista”, ha detto Afkham. Una manifestazione di protesta, prevista per domenica 18 gennaio, è stata annullata senza spiegazioni. Secondo l’agenzia di stampa Fars, gli organizzatori hanno annunciato che la protesta si terrà comunque il 19 gennaio davanti all’ambasciata francese a Teheran.
  • Senegal. Il 14 gennaio è stata vietata la diffusione dell’ultimo numero del settimanale satirico Charlie Hebdo e del quotidiano francese Libération per la pubblicazione delle vignette con Maometto. Il divieto di distribuzione e diffusione ha riguardato tutto il territorio nazionale.
  • Egitto. Il 13 gennaio, giorno precedente all’uscita del nuovo numero, Dar al Ifta, un’importante istituzione religiosa egiziana, ha messo in guardia dalla pubblicazione di nuove vignette che rappresentino Maometto sul giornale satirico Charlie Hebdo. “È una provocazione ingiustificata nei confronti di un miliardo e mezzo di musulmani in tutto il mondo”, era scritto in un comunicato dell’organizzazione specializzata in pareri legali. “Questa pubblicazione causerà una nuova ondata di odio nella società francese e in quella occidentale, e questo non aiuta la coesistenza e il dialogo culturale, al quale aspirano i musulmani”, concludeva il comunicato.

Reuters, Afp

pubblicità

Articolo successivo

Romantic Irpinia
Pier Andrea Canei