Nuove manifestazioni in Burundi, un morto e tre feriti 

Le proteste sono riprese nonostante il tentativo di dialogo tra governo e opposizione iniziato ieri con la mediazione dei ministri degli esteri della regione

Violenze in Burundi nella seconda giornata di proteste contro il presidente

27 aprile 2015 21:21

La presidente della commissione dell’Unione africana, Nkosazana Dlamini Zuma, ha invitato la popolazione burundese alla calma dopo le violenze in corso da due giorni nella capitale Bujumbura. Gli agenti hanno disperso con gas lacrimogeni e idranti almeno un migliaio di persone che avevano risposto all’appello delle forze d’opposizione a manifestare contro la candidatura del presidente Pierre Nkurunziza alle elezioni di giugno. Negli scontri sarebbero morte da due a cinque persone.

Il video della Reuters


Inoltre, le autorità burundesi hanno ordinato la chiusura della principale radio indipendente del paese, Radio publique africaine (Rpa), che secondo il governo avrebbe posizioni vicine all’opposizione. L’accusa ufficiale è quella di “complicità a un tentativo insurrezionale”.

I siti di informazione locali danno anche notizia dell’arresto di Pierre Claver Mbonimpa, attivista che aveva lanciato un appello per una nuova manifestazione.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.