01 maggio 2015 19:45

La corte costituzionale ha stabilito che il blocco alla perequazione delle pensioni (l’adeguamento delle pensioni all’inflazione) previsto dalla norma Fornero nel 2011 è incostituzionale.

La norma, inserita dalla ministra del lavoro e delle politiche sociali Elsa Fornero nel cosiddetto decreto Salva Italia voluto dal governo di Mario Monti, aveva stabilito che, per il 2012 e il 2013, fosse bloccato l’adeguamento al costo della vita delle pensioni di importo superiore a tre volte il minimo pensionistico stabilito dall’Inps.

La manovra aveva riguardato circa sei milioni di persone, i pensionati con un reddito superiore a 1.500 euro mensili lordi (più del 36 per cento dei pensionati italiani).

Il 30 aprile 2015 la consulta ha deciso che la norma è incostituzionale, quindi lo stato dovrà ripagare il mancato adeguamento ai pensionati. Secondo alcune stime, si tratta in tutto di 5 miliardi di euro: 1,8 miliardi nel 2012 e 3 miliardi nel 2013.