10 giugno 2015 14:27

La guardia di finanza di Bari ha eseguito dieci arresti, tre in carcere e sette ai domiciliari, nei confronti di persone accusate a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla bancarotta fraudolenta e altri reati per il crac delle case di cura Divina provvidenza a Bisceglie, in Puglia. Tra i destinatari del provvedimento di arresto – ai domiciliari – c’è il senatore del Nuovo centrodestra Antonio Azzollini, presidente della commissione bilancio di palazzo Madama.

La richiesta è già stata notificata in parlamento. Ai domiciliari sono finite anche due suore che gestivano l’ente ecclesiastico: Marcella Cesa e Assunta Pulzello. Azzollini è coinvolto anche in un’inchiesta sul porto di Molfetta, ma per la richiesta che riguardava l’utilizzo delle intercettazioni il senato negò l’autorizzazione anche con i voti del partito democratico. “Mi difenderò come sempre nel processo e nelle aule parlamentari per la parte che riguarda queste” si è limitato a commentare il senatore.