Quinto giorno a Ventimiglia per i migranti, il papa chiede perdono per chi chiude la porta 

Circa cento migranti hanno passato un’altra notte sulla scogliera di Ponte san Ludovico e si preparano al quinto giorno di proteste alla frontiera bloccata dalle autorità francesi. Intanto il papa è intervenuto sul tema dell’immigrazione, chiedendo di pregare per le persone e le istituzioni che chiudono la porta a questa gente che cerca aiuto

Bloccati alla stazione Centrale di Milano

12 giugno 2015 11:53

Nel mezzanino della stazione centrale di Milano è stato allestito un piccolo centro di accoglienza per dare aiuto ai migranti che in questi giorni stanno arrivando nel capoluogo lombardo. Sono uomini, donne e bambini arrivati dopo un lungo viaggio, durato anche mesi, cominciato in Eritrea, regione da cui arrivano per la maggior parte, ma anche in Somalia, Etiopia, Sudan e Siria. Le condizioni di salute sono buone. La Croce rossa, i volontari e il personale del comune distribuiscono ai migranti beni di prima necessità, acqua e cibo.

I migranti in attesa di ricevere un pasto. (Olivier Morin, Afp)
Padre e figlio nella stazione. (Olivier Morin, Afp)
I volontari del comune distribuiscono un pasto. (Olivier Morin, Afp)
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.