A Baku cominciano i Giochi europei tra accuse di corruzione e violazioni della libertà di espressione 

Il governo dell’Azerbaigian ha vietato a diversi giornalisti e attivisti per i diritti umani di entrare nel paese per seguire i Giochi che cominciano il 12 giugno. Alla competizione sportiva partecipano seimila atleti di 50 paesi

Le organizzazioni umanitarie non sono gradite ai Giochi europei di Baku

12 giugno 2015 13:22

Nove miliardi di dollari spesi in accoglienza e infrastrutture; diciotto siti di gara costruiti in due anni per venti discipline sportive; seimila atleti in gara. I Giochi europei che si aprono oggi a Baku, in Azerbaigian, sono una vetrina internazionale irrinunciabile per il presidente Ilham Heydar Oglu Aliyev. Che per non perdere la sua occasione ha deciso di usare il pugno di ferro contro ogni critica.

  • Emma Hughes, un’attivista per i diritti umani britannica, che aveva criticato il ruolo dell’azienda petrolifera Bp in Azerbaigian, è stata respinta all’aeroporto di Baku nonostante fosse accreditata per seguire i Giochi. Precedentemente era stata rifiutata la richiesta di accredito del giornalista Owen Gibson, che aveva realizzato un reportage sulla corruzione nel paese e la repressione dell’opposizione.
  • Ad Amnesty international è stato impedito l’ingresso nel paese alla vigilia dell’inaugurazione. Secondo l’organizzazione umanitaria, nel paese ci sono almeno venti prigionieri di coscienza.
  • In precedenza erano stati arrestati la giornalista investigativa Khadija Ismailova, premiata per le sue inchieste sulla corruzione, e l’avvocato Intigam Aliev, che aveva portato più di trecento casi di violazioni dei diritti umani davanti alla Corte europea di Strasburgo.
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il grande ritorno dei signori della guerra in Afghanistan
Jean-Pierre Filiu
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.