Atene e Bruxelles sempre più lontane

È fallita l’ultima tornata di negoziati tra la Grecia e i suoi creditori (Commissione europea, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale). Per evitare il default, Atene deve restituire 1,6 miliardi al Fondo entro il 30 giugno. Il mercato europeo è spaventato dall’incertezza e la borsa di Atene chiude con forti perdite

La borsa di Atene ha chiuso in calo del 4,68 per cento

15 giugno 2015 20:24

La borsa di Atene ha chiuso in calo del 4,68 per cento. I mercati sono spaventati dal nulla di fatto dell’ultima tornata di negoziati tra il governo greco e i creditori.

Un portavoce della Commissione a Bruxelles ha dichiarato che nonostante ci siano stati progressi, sono rimaste divergenze “significative”. L’Europa chiede ad Atene tagli alla spesa per due miliardi di euro, per sbloccare i fondi internazionali che aiutino la Grecia a evitare il default.

Oggi Fondo monetario internazionale ha cercato una mediazione tra Unione europea e governo greco, chiedendo a tutte e due le parti di fare scelte dure. Tuttavia oggi il ministro delle finanze greco Yannis Varoufakis non ha escluso l’uscita della Grecia dall’unione monetaria: “Sarebbe una scelta insensata, ma è impossibile escluderla”, ha detto.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il rap di Slowthai e la rivincita della provincia
Giovanni Ansaldo
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.