15 giugno 2015 10:31

Gli aerei della coalizione guidata dall’Arabia Saudita hanno bombardato di nuovo le postazioni dei ribelli nello Yemen, poche ora prima dell’inizio dei negoziati di pace a Ginevra. Ai colloqui, cominciati stamattina e sponsorizzati dall’Onu, partecipa anche il presidente in esilio, Abd Rabbo Mansur Hadi, ma non si sono ancora presentati i ribelli sciiti houthi, che controllano ormai gran parte del paese.

I nuovi raid contro gli houthi sono avvenuti stamattina all’alba e hanno colpito dei depositi di missili controllati dai ribelli sulla collina di Fajj Attan, nei pressi della capitale Sanaa. Altri bombardamenti hanno preso di mira il governatorato di ‘Amran, più a nord, e quelli Hajja e Saada, vicino al confine con l’Arabia Saudita.

Ieri i ribelli hanno occupato Al Hazm, la città principale del governatorato di Al Jawf, senza incontrare resistenza.