Il partito del presidente Nkurunziza ha vinto senza sorprese le elezioni politiche in Burundi

Per l’Onu le elezioni in Burundi non sono state libere né credibili

03 luglio 2015 12:25
Un ragazzo corre duranti gli scontri a Bujumbura, durante i quali sono morte sei persone, il 1 luglio 2015.

Le elezioni in Burundi non sono state libere né credibili. Lo denunciano le Nazioni Unite, mentre il paese è in attesa dei risultati delle elezioni legislative e amministrative del 29 giugno in un clima teso e violento. Il 1 luglio sei persone sono morte negli scontri tra i manifestanti dell’opposizione e le forze di sicurezza. Il segretario generale Ban Ki-moon aveva chiesto un rinvio del voto, a causa della crisi scoppiata nel paese dopo la decisione del presidente Pierre Nkurunziza di candidarsi a un terzo mandato. Nelle proteste che si sono succedute negli ultimi mesi sono morte almeno settanta persone e più di 140mila hanno cercato rifugio nei paesi vicini.

Il rapporto redatto dagli osservatori in missione in Burundi sottolinea che le elezioni si sono svolte “in una grave crisi politica e in un clima generale di timore e minacce in varie zone del paese”. Episodi di violenza ed esplosioni hanno preceduto e in alcuni casi accompagnato le attività della giornata elettorale, soprattutto a Bujumbura, si legge nel rapporto, che conclude: “le condizioni non hanno favorito lo svolgimento di elezioni libere, credibili e inclusive”.

Il voto è stato boicottato dall’opposizione. La commissione elettorale ha fatto sapere che lo scrutinio si è concluso, ma non è ancora noto quando saranno pubblicati i risultati. Il Belgio ha annunciato che non riconoscerà l’esito del voto e gli Stati Uniti hanno aumentato la pressione internazionale, chiedendo il rinvio delle elezioni presidenziali fissate per il 15 luglio.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il populista Nigel Farage approfitta della crisi politica britannica
Pierre Haski
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.