Un bambino palestinese di 18 mesi è rimasto ucciso in un attacco di coloni israeliani a Nablus

Un giovane palestinese è morto negli scontri in Cisgiordania.

01 agosto 2015 17:34

Un giovane palestinese è morto negli scontri in Cisgiordania. Il ragazzo di 17 anni proveniente dal villaggio di Jifna, vicino a Ramallah, è stato raggiunto dagli spari di un cecchino israeliano. Ai suoi funerali, nel campo profughi di Jalazun, decine di ragazzi hanno lanciato sassi contro i militari israeliani che hanno risposto sparando lacrimogeni e proiettili di gomma. È stata la seconda vittima tra i palestinesi in 24 ore, nelle tensioni seguite all’attacco di coloni israeliani che venerdì all’alba hanno dato alle fiamme una casa vicino a Nablus uccidendo un bambino di 18 mesi.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.