La ministra degli esteri messicana Claudia Ruiz Massieu dopo la sua visita ai connazionali ricoverati nell’ospedale Dar al Fouad al Cairo, Egitto, il 16 settembre del 2015.

Il Messico esige un’indagine urgente per l’uccisione dei turisti in Egitto

La ministra degli esteri messicana Claudia Ruiz Massieu dopo la sua visita ai connazionali ricoverati nell’ospedale Dar al Fouad al Cairo, Egitto, il 16 settembre del 2015.
16 settembre 2015 13:24

La ministra degli esteri messicana, Claudia Ruiz Massieu, è voltata al Cairo dove oggi incontrerà il presidente Abdel Fattah al Sisi per esigere un’inchiesta “urgente e trasparente” sull’uccisione di otto cittadini messicani scambiati per jihadisti dalle forze di sicurezza egiziane. Al suo primo impegno diplomatico da quando ha assunto il ministero 19 giorni fa, Ruiz Massieu è stata anche a visitare i sei messicani feriti nell’attacco, ricoverati in un ospedale alla periferia della capitale.

Le autorità egiziane hanno riferito che il 13 settembre le forze di sicurezza, che inseguivano miliziani del gruppo Stato islamico, hanno ucciso per errore dodici persone tra messicani ed egiziani, il cui convoglio era entrato in un’area interdetta ai turisti nel deserto occidentale. I superstiti hanno raccontato ai diplomatici messicani di essere stati bombardati con aerei ed elicotteri.

Ruiz Massieu ha precisato che 14 turisti messicani si trovavano sulle jeep che stavano attraversando il deserto in fila indiana. Immediatamente dopo l’attacco, la ministra ha riconosciuto che due cittadini messicani erano rimasti uccisi e che sei feriti erano ricoverati nell’ospedale . Il governo egiziano e i media del paese già parlavano di otto messicani uccisi, tra le 12 vittime totali. Mentre solo martedì mattina Città del Messico ha confermato e identificato altri sei concittadini morti.

Al Sisi ha telefonato al presidente messicano Enrique Peña Nieto per esprimergli le “più sincere condoglianze per il tragico incidente”. Una nota dell’ufficio del leader messicano aggiunge: “Il presidente Peña Nieto ha espresso profondo sconcerto e tristezzza per la morte dei nostri connazionali, oltre al dolore e alla rabbia che questi fatti senza precedenti hanno provocato nella società messicana”.

pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti