L’Unione africana rinuncia all’invio di truppe in Burundi

01 febbraio 2016 09:15

L’Unione africana rinuncia all’invio di truppe in Burundi. I leader africani hanno deciso di collaborare con il presidente Pierre Nkurunziza per mettere fine alle violenze che finora hanno causato la morte di almeno 439 persone. All’origine delle proteste c’è proprio il nuovo mandato di Nkurunziza, che aveva definito “un’invasione” il possibile invio di soldati dell’Unione africana nel suo paese.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il potere di Barzani nel nuovo governo curdo iracheno
Zuhair al Jezairy
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.