Un’inchiesta dell’Onu accusa il Burundi di “crimini contro l’umanità”.

23 settembre 2016 09:37

Un’inchiesta dell’Onu accusa il Burundi di “crimini contro l’umanità”. Una commissione di esperti ha esaminato le violenze avvenute nel paese tra aprile 2015 e giugno 2016. Ha confermato inoltre 564 casi di esecuzioni tra il 26 aprile 2015 e il 30 agosto 2016. Migliaia di persone avrebbero subìto torture, abusi sessuali e rapimenti, con detenzioni arbitrarie avvenute “su larga scala”. La situazione nel paese è degenerata dopo che il presidente Pierre Nkurunziza ha vinto le elezioni presidenziali per un terzo mandato nel luglio del 2015.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Baghdad cerca un ruolo da protagonista nella regione
Zuhair al Jezairy
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.