L’ordine esecutivo di Trump contro i migranti scatena una battaglia legale, proteste e caos negli aeroporti

30 gennaio 2017 16:09

L’ordine esecutivo di Trump contro i migranti scatena una battaglia legale, proteste e caos negli aeroporti. L’amministrazione conferma l’ordine del presidente Donald Trump che blocca per 120 giorni il programma di accoglienza dei rifugiati e istituisce un divieto d’ingresso di 90 giorni per i cittadini di sette paesi a maggioranza musulmana (Iran, Iraq, Libia, Siria, Somalia, Sudan e Yemen). Solo “i detentori di green card sono esentati dall’ordine esecutivo per motivi di interesse nazionale”, ha specificato la Casa Bianca. Intanto decine di persone sono state fermate all’aeroporto di New York, molti passeggeri in transito non hanno potuto accedere agli Stati Uniti o sono stati fermati dalle compagnie aeree prima dell’imbarco. Sedici procuratori generali hanno annunciato che indagheranno sulla costituzionalità del decreto. Migliaia di persone sono scese in piazza in tutto il paese.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

La macchina del consenso di Erdoğan
Annalisa Camilli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.