I liberali del premier Mark Rutte hanno vinto le elezioni nei Paesi Bassi.

16 marzo 2017 16:50

I liberali del premier Mark Rutte hanno vinto le elezioni nei Paesi Bassi. Con il 90 per cento dei voti scrutinati, il Partito popolare per la libertà e la democrazia (Vvd) è in testa con 33 seggi su 150, otto seggi in meno rispetto alle scorse elezioni. Sconfitto il partito nazionalista Pvv, guidato dal leader populista, euroscettico e islamofobo Geert Wilders, fermo a 20 seggi, che in realtà sono quattro in più rispetto alle scorse consultazioni. Seguono due partiti a 19 seggi, l’Appello cristiano democratico (Cda) e i Democratici. Positivo il risultato dei Verdi, che hanno raccolto 14 seggi. L’affluenza è stata alta, circa dell’80 per cento. Commentando i risultati, Mark Rutte ha dichiarato che il paese ha respinto “il populismo sbagliato”.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

E alla fine Idomeneo porta a casa la pelle
Daniele Cassandro
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.