15 dicembre 2021 16:12

Il 10 dicembre il crollo di un magazzino di Amazon, nel quale sono morte almeno sei persone, ha riacceso le preoccupazioni tra i suoi operai perché l’azienda gli ha di nuovo vietato di usare il proprio telefono nelle aree di lavoro.

Il magazzino di Edwardsville, Illinois, vicino a St. Louis, è stato ridotto in macerie al passaggio di una serie di tornado che ha devastato sei stati, lasciando una scia di distruzione lunga più di quattrocento chilometri. Secondo i soccorritori le operazioni di recupero dureranno quasi fino a Natale.

Amazon ha vietato per anni ai lavoratori di portare i loro telefoni all’interno dei magazzini, chiedendo di lasciarli nei veicoli o negli armadietti dei dipendenti prima di passare attraverso i controlli di sicurezza, che includono dei metal detector. L’azienda ha fatto marcia indietro durante la pandemia, ma il divieto è stato gradualmente reintrodotto nelle strutture di tutti gli Stati Uniti.

Accesso a informazioni vitali
Cinque dipendenti di Amazon, tra cui due che lavorano di fronte all’edificio crollato, hanno dichiarato di voler accedere a informazioni come gli aggiornamenti su eventi meteorologici potenzialmente mortali attraverso i loro telefoni, senza interferenze da parte dell’azienda.

E hanno aggiunto che i telefoni possono anche aiutarli a comunicare con i servizi d’emergenza o con i loro cari se dovessero trovarsi intrappolati. “Dopo queste morti, è impossibile contare su Amazon per la nostra incolumità”, ha dichiarato un lavoratore di un vicino stabilimento dell’azienda nell’Illinois. “Se applicheranno il divieto dell’uso dello smartphone, mi dimetto”.

Un’altra lavoratrice di un magazzino Amazon nell’Indiana ha detto che sta ricorrendo ai suoi congedi pagati ogni volta che l’azienda decide di rimanere aperta nonostante gli avvisi di eventi meteorologici estremi. Avere con sé il suo telefono è fondamentale per prendere decisioni simili, specialmente riguardo ai rischi improvvisi di tornado, ha spiegato. “Sinceramente, non posso affidare a loro la mia sicurezza. Se c’è un maltempo grave in arrivo, penso che dovrei essere in grado di prendere decisioni sulla mia sicurezza da sola”.

Il servizio meteorologico nazionale emette avvisi di maltempo estremo tramite messaggi di testo

Amazon non ha voluto commentare i timori sollevati dai lavoratori sulla sua politica relativa ai telefoni, sostenendo che il suo obiettivo adesso è “assistere i coraggiosi soccorritori sulla scena del dramma, e sostenere i nostri dipendenti colpiti e i partner nella zona”.

Le preoccupazioni sull’accesso al telefono portano in evidenza la profonda sfiducia tra i dirigenti – che stabiliscono regole in nome della produttività e dell’efficienza per ottenere un vantaggio competitivo – e i lavoratori a ore, impauriti che la loro sicurezza sia secondaria rispetto alla movimentazione dei pacchi.

Un tweet di vicinanza
Il fondatore di Amazon, Jeff Bezos, l’uomo più ricco del mondo dopo Elon Musk, ha alimentato questi sentimenti trascorrendo la prima parte di sabato 11 dicembre a celebrare un lancio spaziale della sua azienda Blue Origin, in compagnia di altre celebrità. Il tutto mentre le squadre di soccorritori nel magazzino scavavano tra le macerie alla ricerca di corpi.

Intorno alle venti ora locale, Bezos ha twittato per esprimere la sua vicinanza.

Una persona al corrente delle tecniche di costruzione dei magazzini dell’azienda ha spiegato che gli edifici sono progettati secondo gli standard locali, che tengono conto di eventi come forti tempeste e carichi di neve. Quelli in aree a rischio tornado hanno spazi ulteriormente rinforzati con acciaio extra e cemento dove i dipendenti si rifugiano in caso di emergenza, ha detto. Tuttavia gli eventi meteorologici estremi possono far crollare gli edifici, come è accaduto nel 2018 quando due lavoratori di un magazzino Amazon sono morti a Baltimora dopo che un edificio è parzialmente crollato durante una forte tempesta.

pubblicità

Il servizio meteorologico nazionale emette avvisi di maltempo estremo tramite messaggi di testo, informando in anticipo la popolazione di eventuali condizioni pericolose. I tornado sono più difficili da prevedere rispetto a uragani e tempeste di neve, ma il servizio emette comunque delle allerte per chi si trova sul loro percorso. Il 10 dicembre, hanno detto i lavoratori, è stata lanciata un’allerta simile verso le otto di sera, circa mezz’ora prima che la tempesta facesse crollare la stazione di consegna di Amazon a Edwardsville.

Due dipendenti di Amazon che lavorano in una struttura di fronte al magazzino crollato hanno detto che i lavoratori si sono rifugiati nei bagni per proteggersi dalla tempesta, senza sapere cos’era successo dall’altra parte della strada, dato che le interruzioni di corrente hanno bloccato le comunicazioni. I lavoratori sono stati rimandati a casa dopo le undici di sera, quando è stato valutato che i loro spostamenti fossero sicuri.

“Dopo questo episodio, è certo che tutti siano spaventati all’idea di non potere tenere con sé i loro telefoni”, ha detto uno dei lavoratori. “La maggior parte dei dipendenti con cui ho parlato non tiene con sé il cellulare per conversazioni personali durante il giorno. Lo usano per situazioni come questa”.

(Traduzione di Federico Ferrone)

Questo articolo è uscito su Bloomberg News.