15 luglio 2010 00:00

I punti di sutura vanno tenuti asciutti?

Le istruzioni per i punti appena messi sono universali: mantenere le suture pulite e asciutte, evitando di bagnarle per almeno 48 ore.

Così facendo, si crede, si riduce il rischio d’infezione e si accelera la guarigione. In realtà dagli studi è emerso che la regola delle 48 ore fa poca differenza: lavare una ferita suturata con acqua e sapone, o semplicemente bagnarla, nelle prime dodici ore crea problemi.

La conferma arriva da un’ampia ricerca australiana del 2006 su più di ottocento pazienti. Ad alcuni è stato chiesto di tenere le ferite suturate asciutte e coperte per almeno 48 ore (il gruppo di controllo), agli altri è stato detto di tenere la garza giusto il tempo di assorbire il sangue, poi di toglierla e di farsi la doccia nelle prime dodici ore. Nessuno dei pazienti era sotto antibiotici.

Lo studio, pubblicato sul British Medical Journal, non ha rilevato grandi differenze. I tassi d’infezione sono stati dell’8,9 per cento nel gruppo di controllo e dell’8,4 nell’altro, indicando “che si possono scoprire e bagnare occasionalmente i punti di lievi ferite cutanee nelle prime 48 ore senza far aumentare il rischio d’infezione”.

*Conclusioni. *Una piccola ferita suturata non rischia d’infettarsi di più se si bagna.

Internazionale, numero 855, 16 luglio 2010