28 aprile 2020 10:41

Un articolo sul sito del World economic forum afferma che la tragica pandemia di covid-19 si configura come “il più grande esperimento psicologico” di tutti i tempi. È un “esperimento” che coinvolge un terzo della popolazione mondiale: Business Insider offre un quadro aggiornato dei paesi che hanno imposto qualche forma di distanziamento sociale.

Stiamo parlando di qualcosa come due miliardi di persone, che dall’Italia all’Iran, dal Sudafrica alla Colombia, dall’India agli Stati Uniti si trovano tutte quante in condizioni non certo identiche, ma analoghe sotto alcuni aspetti cruciali.

L’autrice dell’articolo è la psicologa belga Elke Van Hoof. La quale aggiunge che c’è da aspettarsi, nella seconda parte del 2020, una ulteriore epidemia di logoramento (burnout) e assenteismo da stress. E segnala che, mentre in tutto il mondo si stanno (be’, con alterna efficacia) predisponendo le misure necessarie per contrastare il virus, poco o nulla si fa per mitigare gli impatti psicologici. Un’ampia sintesi pubblicata su The Lancet attesta che l’isolamento può causare depressione, insonnia, ansia, frustrazione e molte altre conseguenze sgradevoli, e che alcune possono protrarsi nel tempo.

Senza preavviso
In questa, come in altre interviste recenti, lo storico Yuval Noah Harari va oltre.

E senza mezzi termini parla della pandemia come di un enorme (anche se del tutto involontario) “esperimento sociale”.

Ecco di che si tratta: la psicologia sociale studia l’interazione tra esseri umani e i fattori che possono orientare i loro atteggiamenti e i loro comportamenti. Uno degli strumenti che i ricercatori usano per validare le loro ipotesi è organizzare, appunto, “esperimenti sociali”. I quali consistono nel mettere singoli individui o gruppi di persone in una condizione o in un contesto nuovo e particolare, senza alcun preavviso o istruzione su come ci si aspetta che siano le loro reazioni.

Gli psicologi sociali stanno poi a vedere quel che succede, e traggono le loro conclusioni.

Nell’intervista, Harari fa diversi esempi. Che cosa succede quando un’intera università sposta improvvisamente online tutti i corsi? Che cosa succede quando milioni di persone cominciano a lavorare da casa? O se uno stato offre contributi economici indistintamente a tutti?

Di fatto molte cose, che stanno realmente capitando ora nel mondo, fino all’altro ieri erano al massimo ipotesi di scuola, da verificare magari, con tutte le cautele, in un lontano futuro.

Harari aggiunge che “non possiamo predire oggi che cosa succederà”.

La rapidità e la pervasività della pandemia hanno obbligato ciascuno a confrontarsi con la propria fragilità individuale

Per maggior chiarezza faccio una piccola digressione ricordando due noti esperimenti sociali del secolo scorso, il primo breve e disastroso, il secondo di più lunga durata e, al di là di ogni aspettativa, virtuoso.

Primo esempio: il controverso Stanford prison experiment. Si svolge nel 1971, nei sotterranei del dipartimento di psicologia dell’università di Stanford, modificati per somigliare a una prigione. Obiettivo: indagare le dinamiche dell’abuso di potere in un gruppo di 24 studenti, scelti tra i più sani ed equilibrati. Gli studenti vengono divisi a caso tra “carcerieri” e “carcerati”, abbigliati di conseguenza e invitati a comportarsi in accordo con il loro ruolo. L’esperimento degenera rapidamente in un susseguirsi di atti violenti, e viene interrotto ben prima del termine stabilito.

Secondo esempio: l’assai meno disturbante HighScope project, volto a indagare gli effetti della responsabilizzazione precoce. Siamo negli anni sessanta, e 123 bambini in età prescolare vengono arbitrariamente divisi in due gruppi. Mentre il primo gruppo svolge normali attività nel modo consueto per l’età, nel secondo gruppo i bimbi sono chiamati a pianificare, svolgere e verificare i propri compiti.

Negli anni successivi sembra che tra i due gruppi non si siano sviluppate differenze significative. E, quindi, che l’esperimento non abbia fornito risultati evidenti. La sorpresa arriva dopo un paio di decenni, quando i ricercatori scoprono che i partecipanti al secondo gruppo hanno, crescendo, deciso di studiare più a lungo e che fanno mediamente lavori più appaganti e meglio retribuiti, delinquono di meno, conducono perfino vite più sane.

Le caratteristiche della persona globalizzata
Proprio perché espongono esseri umani a situazioni inconsuete, le cui conseguenze possono essere imprevedibili, gli esperimenti sociali coinvolgono piccoli gruppi, per tempi limitati, in ambienti controllati. Molti di quelli svolti in passato sono stati comunque considerati poco etici. Tutti possono avere, sia nel breve sia nel lungo periodo, conseguenze che vanno al di là delle previsioni degli stessi ricercatori, e che possono essere positive o negative.

Ora, immaginate la scala di questo esperimento sociale che tutti noi stiamo vivendo, e l’impatto che può avere, al di là delle pesantissime conseguenze economiche, sui comportamenti, sulle priorità e sui valori, e sui modi di pensare e di agire di una consistente fetta dell’umanità.

La rapidità e la pervasività della pandemia hanno obbligato ciascuno a confrontarsi con la propria fragilità individuale. Disvelano e, con ciò, mettono in crisi, come sottolinea la psicoanalista Julia Kristeva, le caratteristiche dell’essere umano globalizzato: solitudine, intolleranza ai limiti e rimozione della mortalità. “Possiamo diventare più prudenti, forse più teneri, e in questo modo anche più durevoli, resistenti. La vita è sopravvivenza permanente”, dice Kristeva.

La globalità e l’impatto della pandemia, d’altra parte, invitano a ristrutturare radicalmente gerarchie di valori e di aspirazioni che apparivano consolidate e permanenti. Per esempio, c’è la presa di coscienza del fatto che “la salute, quella di ciascuno di noi, non possa essere pensata come un bene privato, come una faccenda individuale, ma abbia, piuttosto, tutte le caratteristiche di un bene comune, di un bene comune globale”. Ne parla Vittorio Pelligra in un articolo illuminante, che vi invito a leggere per intero.

La scuola dimenticata
E ancora: quante persone, in quanti paesi compreso il nostro, hanno sempre considerato il sistema scolastico come una struttura ancillare e molto meno centrale del sistema produttivo? Ed ecco: si fermano le scuole e tutto il resto si inceppa. Ma non solo: improvvisamente ci si rende conto che senza il malconcio e tuttavia resiliente e tenace sostegno della scuola un’intera generazione rischia di ritrovarsi abbandonata a sé stessa nel mezzo dello tsunami pandemico.

Come crescerà, e con quali consapevolezze e quali paure, la generazione covid-19? Quanti rischiano di restare indietro, con quanto danno sociale, e sì, anche economico?

E quanto è cruciale, se vogliamo che questo non succeda, restituire alla scuola tutta la centralità e il protagonismo sociale che le spettano per ruolo?

E poi: ci siamo finalmente convinti che un atteggiamento di rapina nei confronti dell’ambiente può impattare in modi rapidi, drammatici e imprevisti sulle singole vite di ciascuno di noi? E che ridurre le disuguaglianze non è un’opzione da buonisti smidollati, ma l’unico modo efficace non solo per poter vivere decentemente in pace, ma anche per mettere in sicurezza tutti quanti?

pubblicità

“La gente deve capire che abbiamo molte scelte. E le decisioni molto importanti saranno prese nel prossimo mese o due. È una breve finestra di opportunità in cui la storia si sta spostando, e molto in fretta”, conclude Harari.

C’è un dato incoraggiante: in questo periodo che ha travolto le nostre vite ci siamo potuti rendere conto di avere una flessibilità comportamentale e una capacità di adattamento che mai avremmo immaginato.

E dunque, sperèm, come dicevano i vecchi della mia estenuata città.

Ma restiamo anche vigili, e teniamo gli occhi bene aperti, perché l’esperimento sociale si sta svolgendo sulla pelle di tutti noi.