Comunicazione

La pazienza non è fuori moda

Viviamo in tempi accelerati e vogliamo ottenere tutto subito. Sarebbe meglio rivalutare la pazienza, che è uno stato attivo, aiuta a gestire lo stress e la frustrazione, e a mantenere il controllo anche in situazioni sfavorevoli. Leggi

L’indifferenza della folla

Avete mai sentito parlare dell’effetto-spettatore? Se la risposta è no, dovreste leggere questo articolo. Dico sul serio. Leggi

pubblicità
Essere buoni antenati

Oggi siamo pressati dall’emergenza, e pensare a lungo termine sembra difficilissimo. Invece è urgente di mettere in atto la pratica della solidarietà tra le generazioni. Il filosofo Krznaric propone un indice per misurarla. Leggi

Le relazioni sono tutto. E niente è più come prima

Il covid-19 ha alterato gran parte del sistema di relazioni su cui si regge il mondo così come lo conosciamo. L’opportunità di ricucirle e riequilibrarle ce l’abbiamo adesso. Leggi

Progettare il futuro senza girare in tondo

Perché fare progetti appare così difficile proprio ora che ce n’è più bisogno? Eppure sembra esserci un accordo sulle direttrici del cambiamento: equità, sostenibilità ambientale e sociale, modernizzazione, inclusione. Leggi

pubblicità
Le cose urgenti e le cose importanti

È l’inizio della giornata, davanti a voi c’è una lista di cose da fare, alcune da sbrigare in poco tempo, altre più impegnative. Qualche suggerimento per non farsi travolgere. Leggi

Tre piccole dritte, buone da subito

Se quando ragioniamo dimentichiamo qualche fatto o dato rilevante, o se proprio non ne siamo a conoscenza, rischiamo, anche non volendolo, di comportarci peggio di quanto potremmo e vorremmo. Leggi

Coinvolti in un gigantesco esperimento sociale

Qualcosa come due miliardi di persone si trovano tutte quante in condizioni non certo identiche, ma analoghe sotto alcuni aspetti cruciali. Leggi

Incapaci di pensare a lungo termine

I politici sono incalzati dalle fluttuazioni settimanali dei sondaggi, i manager sono ossessionati dalla necessità di fornire buoni risultati trimestrali, e noi ci siamo abituati a vivere nell’eterno presente della rete. Leggi

Prendere decisioni in un momento difficile

In un momento di crisi drammatica, diventa lampante il fatto che, per prendere buone decisioni, tutti (governi e cittadini) dovrebbero essere in grado di capire bene quello che sta succedendo. Leggi

pubblicità
Smettiamo di dire che è una guerra

Questa non è una guerra perché non c’è, in senso proprio, un nemico. Il virus non ci odia. Non sa neanche che esistiamo. In realtà, non sa niente né di noi, né di sé. È un’entità biologica parassita. Leggi

Appesi all’ultima notizia

È venuto il momento, credo, di raccontare in dettaglio cos’è e come funziona una strategia cognitiva che ci coinvolge tutti. Riguarda la disponibilità di informazioni, e l’uso che ne facciamo. Leggi

Occuparsi delle cose importanti

L’idea che sia opportuno e giusto focalizzarsi in primo luogo su quanto è rilevante trova sostegno nel principio di Pareto, conosciuto anche come la regola 80/20. Leggi

Convinti a sproposito

Contrastare le fake news non basta. È anche indispensabile fare un esercizio di pensiero critico per quanto riguarda, per esempio, le relazioni di causa-effetto. Leggi

Cambiare la politica cambiando le emozioni

Se il gioco è a chi emoziona di più, qualsiasi appello che contenga una componente razionale risulterà perdente. Ma forse è possibile cambiare le regole del gioco. Leggi

pubblicità
Quanto è complicato immaginare il futuro

Ci capita di dover immaginare il futuro molto più spesso di quanto crediamo. E ci riusciamo molto meno bene di quanto pensiamo. Leggi

Pierino e il vaso cinese

Basta piazzarsi davanti alla tv per mettere insieme una serie di risposte preconfezionate da dare a chi ci chiede conto delle nostre responsabilità. Leggi

È sempre colpa di qualcun altro

La propensione dei leader ad attribuire colpe crea una cultura della paura, scoraggiando le persone dall’assumersi rischi e dall’imparare dai propri errori. Leggi

I discorsi d’odio non vanno sottovalutati

Mantenere un’attenzione costante e contrastare dichiarazioni e comportamenti ostili e discriminatori è un buon modo per evitare che le cose peggiorino. Per questo lo spot di Alitalia ha suscitato molta irritazione. Leggi

La reputazione è una faccenda complicata

La reputazione non è diventata importante solo a causa di internet e dei social network. Anche gli imperatori romani o i medici cinesi di epoca Tang dovettero farci i conti. Leggi

pubblicità
Abbonati a Internazionale per leggere l’articolo.
Gli abbonati hanno accesso a tutti gli articoli, i video e i reportage pubblicati sul sito.
Sostieni Internazionale
Vogliamo garantire un’informazione di qualità anche online. Con il tuo contributo potremo tenere il sito di Internazionale libero e accessibile a tutti.