Migranti aspettano il loro turno per registrarsi in un centro per richiedenti asilo, a Berlino, il 15 ottobre 2015.

Angela Merkel apre le porte ai profughi perché è l’unica scelta possibile

Migranti aspettano il loro turno per registrarsi in un centro per richiedenti asilo, a Berlino, il 15 ottobre 2015.
16 ottobre 2015 09:26

Sempre popolare e al potere da quasi dieci anni, Angela Merkel era “la mamma” dei tedeschi. Ora però, nonostante il soprannome affettuoso, la cancelliera appare in difficoltà. Questo non significa che i democristiani si preparino a mandarla via, come i conservatori britannici avevano fatto con Margaret Thatcher, o che rischi una rivolta interna.

Eppure la cancelliera comincia a soffrire il fatto di essere al contempo la capofila dei conservatori tedeschi e la leader europea più favorevole ad accogliere i profughi siriani, a cui ha aperto le porte del paese.

Questa scelta non è ben vista dalla base e dagli eletti del suo partito. L’Unione cristiano sociale in Bavaria (Csu), l’ala bavarese del suo partito, è inquieta, e le intenzioni di voto nei confronti della destra sono in calo, pur restando attorno al 38 per cento. Alcuni militanti (non troppi) riconsegnano la tessera, mentre i giornali conservatori parlano di un divorzio tra il popolo della destra e la sua cancelliera.

I motivi per scappare dalla Siria non spariranno da un giorno all’altro. È una sfida per l’Europa e l’Europa deve raccoglierla

Per Merkel, che ha sempre saputo come tenere compatto il suo elettorato, il momento è complicato. Ma resiste, sottolineando che la “chiusura delle frontiere è un’illusione” e che la solidarietà davanti a questa sfida “è l’unica soluzione possibile” per l’Europa. “Ce la faremo”, ripete incessantemente sottolineando che il compito non è più arduo rispetto all’unificazione della Germania. In questo, Angela Merkel ha ragione.

La cancelliera fa bene a voler prendere di petto il problema anziché ignorarlo, a voler convincere la gente anziché condividere le paure dell’opposizione. I fatti, d’altronde, sono innegabili. Da gennaio in Europa sono arrivati oltre 700mila rifugiati e altri ne arriveranno, perché i motivi per scappare dalla Siria non spariranno da un giorno all’altro. È una sfida per l’Europa e l’Europa deve raccoglierla. Anche perché quali sarebbero le alternative?

Fare affidamento sulla Turchia? Sì, forse, certamente. Proprio su questo si è concentrato il Consiglio europeo di giovedì che ha messo in campo dei reali strumenti di cooperazione, ma la Turchia sprofonda in una crisi politica e potrà aiutare l’Europa solo a condizione di ricevere in cambio l’adesione, eventualità che al momento sembra poco auspicabile. Resta la possibilità di dire alla Grecia e all’Italia di sbrigarsela da sole, ma Roma e Atene non lo accetterebbero mai.

L’Europa intera deve raccogliere questa sfida perché non ha altra scelta e perché può farlo. Non solo una popolazione di 500 milioni di persone è perfettamente in grado di integrare i profughi senza reali difficoltà, ma l’Europa potrebbe crescere grazie al loro contributo, a condizione di saperne sfruttare le capacità anziché demonizzarli. Quando si vuole si può. E per potere basta dovere e volere.

(Traduzione di Andrea Sparacino)

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

L’offensiva di Haftar in Libia può contare sull’ambiguità della Francia
Pierre Haski
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.