20 gennaio 2011 00:00

Quest’anno, al contrario di quanto è successo in passato, i socialisti francesi si sono raccolti in massa intorno alla tomba di François Mitterrand. E Paris Match, a sorpresa, dedica una copertina all’ex presidente, a venticinque anni dalla sua morte.

“Diciotto pagine di ricordi” condite, come è d’obbligo, dal “racconto delle persone più intime”, che permettono di svelare “i segreti della sua ultima battaglia”. In copertina Mitterrand compare con una giacca sportiva di gusto impeccabile, una camicia rosa pallido e il collo coperto, durante l’ultima vacanza nel suo amatissimo Egitto. Nel servizio fotografico all’interno, il politico più amato dai francesi è presentato con un buon dosaggio di immagini di serena vita familiare e di scatti rubati al presidente malato, in fin di vita.

E poi le esequie, con in prima fila quella Mazarine, la figlia segreta del presidente, di cui per primo Paris Match rivelò il volto ai francesi. Ma il settimanale si astiene dal ripubblicare o anche solo evocare la foto del presidente nel suo letto di morte (immagine per altro forte e interessante: anche Victor Hugo e Marcel Proust furono ritratti sul letto di morte).

All’epoca la foto creò uno scontro tra Paris Match e gli intimi del presidente che oggi contribuiscono al servizio. È un po’ come se oggi Mitterrand, che sognava di diventare scrittore, non sia più considerato un uomo politico, ma semplicemente un personaggio pubblico.

Internazionale, numero 881, 21 gennaio 2011