L’esperienza di un padre

21 febbraio 2014 09:00

Mio marito, circonciso da adolescente, vuole fare lo stesso con il nostro bambino in arrivo “perché è meglio, ed è meglio farlo ora così non se ne ricorderà”. Io non sono d’accordo, tu che consigli?–Anna

Negli Stati Uniti è la norma: i maschi sono circoncisi subito dopo la nascita nella vetrina della nursery, sotto gli occhi commossi di parenti e amici. “E vorrei vedere”, ha detto la mia amica americana Minda elencandomi tutti i vantaggi, tra cui la riduzione del rischio di infezioni urinarie e di malattie sessualmente trasmissibili. Effetti che però secondo gli esperti si ottengono anche con abitudini igieniche appropriate e l’uso del preservativo.

Mentre qualcuno sostiene che questa pratica provochi la diminuzione del piacere sessuale. E così quando è nato mio figlio, in Ohio, noi abbiamo firmato una richiesta preventiva per non farlo circoncidere. Nel frattempo in Germania è in corso una battaglia legale per impedire la circoncisione alla nascita, perché contraria al principio del consenso del paziente.

Soprattutto se la si fa per motivi religiosi. “Il lupo perde il pelo ma non il vizio”, ha commentato Minda. Ma nel vostro caso l’antisemitismo o il piacere sessuale non c’entrano: qui c’è un uomo che diventa iperprotettivo perfino prima di diventare padre. Ma è bene che si abitui da subito a non proiettare se stesso sul figlio o la vita da genitore sarà più dura di qualunque intervento di circoncisione.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Dall’Egitto nuovi segni di rivoluzione
Catherine Cornet
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.