09 gennaio 2014 18:42

Jimmy Page a Londra, il 12 ottobre 2012. (Suzanne Plunkett, Reuters/Contrasto)

Il 9 gennaio Jimmy Page, il chitarrista dei Led Zeppelin, compie 70 anni. Per festeggiarlo, risentiamoci sette tra i suoi migliori assoli di chitarra. Uno per ogni decennio della sua vita. Grazie a Luca Muzi ([@lucamuzi][1]) per la preziosa consulenza.

Heartbreaker

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

Tratta da Led Zeppelin II, la canzone è famosa soprattutto per l’assolo di Page, quasi privo di accompagnamento. La parte non era stata scritta in questo modo, ma fu improvvisata dal chitarrista durante le registrazioni a New York, nel 1969. Ecco una versione live, mentre [qui trovate][2] quella completa in studio.

Stairway to heaven

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

Quella di Stairway to heaven (dal minuto 5.32) è una delle pentatoniche più famose della storia del rock, ma tutta la parte di chitarra di questa canzone ([forse ispirata][3] in parte a Taurus degli Spirit) è memorabile. Vale la pena riascoltarla, tutta intera.

The Lemon song

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

Un bel tributo dei Led Zeppelin al mondo del blues. La band inglese ha spesso saccheggiato il repertorio classico di autori come Muddy Waters, John Lee Hooker e Robert Johnson. In questo caso si sono ispirati a Killing floor di Howlin’ Wolf. Da notare il giro di basso un po’ funkeggiante di John Paul Jones, che fa concorrenza a Page. L’assolo di chitarra comincia al minuto 1.26.

Whole lotta love

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

Il pezzo non ha bisogno di particolari presentazioni. Dal vivo Jimmy Page ha aggiunto l’uso del theremin, quella specie di antenna che compare dal minuto 1.46. E poi c’è l’assolo dopo la pausa, lo stesso della versione in studio, a 4.26. Una goduria.

Dazed and confused

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

La canzone è stata pubblicata per la prima volta in Led Zeppelin I, nel 1969. Questa versione live è tratta dal concerto del 1973 al Madison Square Garden, poi diventato l’album The song remains the same del 1973. Dal minuto 8.40 comincia l’assolo con l’archetto, altro classico delle sperimentazioni di Page.

Since I’ve been loving you

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

Questo è uno dei più bei pezzi dei Led Zeppelin. Dove Page tira fuori fraseggi di chitarra dolci e sofferti, e Plant lo accompagna con un cantato intenso. È stata pubblicata per la prima volta sul terzo disco della band, mentre questa versione è tratta da solito concerto al Madison Square Garden. La parte solista più bella comincia al minuto 3.50.

Happenings ten years time ago

Per visualizzare questo contenuto, accetta i cookie di tipo marketing.

Chiudiamo con un brano fuori dalla storia dei Led Zeppelin. Prima di fondare la sua band principale, Jimmy Page ha suonato nel super gruppo Yardbirds, prendendo il posto di un certo Eric Clapton. Con loro ha registrato gli album Roger the engineer e

Little games. Ecco una performance dal vivo della canzone Happenings ten years time ago, nel 1967. Dal minuto 1.33 c’è la parte solista.

Giovanni Ansaldo lavora a Internazionale. Si occupa di tecnologia, musica, social media. Su Twitter: @giovakarma

Correzione. 10 gennaio, 9.50. Nella versione originale dell’articolo c’era scritto “secondo disco della band” invece che “terzo disco della band”.