Moderati

21 novembre 2019 12:52

Martin Luther King, il leader del movimento dei diritti civili degli afroamericani, scrisse il 16 aprile 1963 La lettera dalla prigione di Birmingham, il carcere dov’era detenuto per aver partecipato a una manifestazione non violenta. La lettera era la risposta a un gruppo di otto religiosi, “bianchi moderati”, che dicevano di sostenere le battaglie degli afroamericani ma che al tempo stesso avevano definito l’attivismo di King “avventato e inopportuno”.

Secondo questi moderati, che criticavano i metodi di chi si opponeva alle leggi sulla segregazione razziale anziché criticare le leggi stesse, gli attivisti afroamericani non erano i coraggiosi avversari di una società ingiusta, ma “agitatori esterni” e fuorilegge che minacciavano la tranquillità dello status quo.

Rispondendo a chi come loro chiedeva cambiamenti piccoli e lenti, King fece un’affermazione provocatoria: disse che i “bianchi moderati” erano più pericolosi dell’organizzazione razzista Ku klux klan. Il ragionamento di King era che mentre le posizioni del Ku klux klan erano apertamente razziste, e quindi potevano essere combattute, la “superficiale comprensione da parte delle persone di buona volontà” minacciava di indebolire il movimento dei diritti civili spingendolo ad accettare un intollerabile status quo. Per King, la moderazione di fronte all’ingiustizia era peggiore dell’ingiustizia stessa.

Raccontando tutto questo sul New York Times, il ricercatore statunitense Jamie Aroosi ha scritto: “Oggi siamo in una crisi simile. Le persone che lottano contro le disuguaglianze, il sessismo e il razzismo affrontano un’opposizione reazionaria sempre più forte e spudorata. A separarli c’è l’equivalente contemporaneo dei ‘bianchi moderati’ di Martin Luther King. E proprio come allora, questi moderati – con il loro potere politico e la nostalgia per uno status quo perduto – rappresentano una minaccia al progresso che è maggiore di quella dei reazionari”.

Questo articolo è uscito sul numero 1334 di Internazionale. Compra questo numero|Abbonati

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Lavaggio delicato
Claudio Rossi Marcelli
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.