24 settembre 2012 14:00

Come si legge Ragıp? Nel nome dell’editore turco ritratto nello scorso numero compare una lettera dell’alfabeto turco sconosciuta all’italiano. È una scelta che Internazionale ha fatto da circa un anno: le parole delle lingue che si basano sull’alfabeto latino le scriviamo come sono, senza adattamenti.

Un tempo non era così. Scrivevamo Lodz e non Łódź, Utoya e non Utøya, Zizek e non Žižek. Per un motivo semplice: nella font di Internazionale mancavano questi caratteri. Poi è arrivata la font nuova, e a un certo punto ci siamo chiesti: ora che si può, perché no? Anche per coerenza: abbiamo sempre scritto Süddeutsche Zeitung con la ü e François Hollande con la ç, non c’è motivo di scrivere Utøya senza la sua ø. Alcuni però faticano ad abituarsi: “Per me nel nome dell’editore turco c’è il numero 1”, confessa un redattore.

E poi c’è il problema della pronuncia. Potremmo fare come l’edizione italiana della rivista Wired, che in copertina riporta la trascrizione fonetica del suo nome: /’uaɪrd/. Oppure seguire l’esempio di molti ispanofoni, che scrivono

fútbol (football), biquini (bikini) e Misuri (Missouri). Ma i nostri lettori sono curiosi e spesso molto più pignoli di noi. A proposito, Ragıp si pronuncia /’ɾagɯp/.