Turchia

Turchia

Capitale
Ankara
Cambio
Ora locale
Borsa
Meteo
Pil pro capite
Temperatura
Popolazione
Moneta
Lira turca
Superficie
Le verità e le ipocrisie sulla vicenda Khashoggi

Il presidente turco Erdoğan si erge a paladino della libertà di stampa, il principe saudita Mohammed bin Salman a promotore di riforme e progresso: davanti all’omicidio del giornalista saudita il diritto internazionale rischia di disgregarsi. Leggi

Cosa sappiamo sulla scomparsa di Jamal Khashoggi

Il giornalista è entrato nel consolato di Istanbul il 2 ottobre. Da allora non se ne hanno più notizie. La ricostruzione della fidanzata, l’arrivo di 15 sauditi, i dati dell’Apple watch: ecco i punti dell’inchiesta sulla sua scomparsa. Leggi

pubblicità
L’albero dei frutti selvatici è un film di vita vera

Presentato in chiusura dell’ultimo festival di Cannes, l’ottavo lungometraggio del regista turco Nuri Bilge Ceylan è un grande film, se non un capolavoro. Leggi

Una condanna a vita per Ahmet Altan

Il 2 ottobre la corte d’appello di Istanbul ha confermato la condanna all’ergastolo per sei sospettati di terrorismo, tra cui i giornalisti Ahmet e Mehmet Altan. Leggi

Posti liberi

La generazione di Gezi park, quella dei professionisti giovani e laici, sta lasciando o vorrebbe lasciare la Turchia per sempre. Allora forse ci saranno molti posti liberi per i giovani abitanti della Striscia di Gaza. Leggi

pubblicità
Fonti d’ispirazione

Breve ritratto di Osman Kavala, condannato senza giusto processo e incarcerato in Turchia. Leggi

L’offensiva finale di Assad per riconquistare la Siria

Se l’operazione di riconquista di Idlib proseguirà senza incidenti legati a un intervento turco o americano, sarà l’ultima grande battaglia della guerra civile siriana. Leggi

Sarà la Turchia a innescare la prossima crisi mondiale?

Tutti i riflettori sono puntati sulla lira turca. Il suo declino è stato veloce e coinvolge molte banche europee. Leggi

Trump ha messo in ginocchio una lira turca già debolissima

Secondo il presidente Erdoğan la Turchia è in “guerra economica” contro poteri esterni. Ma anche le politiche monetarie interne possono aver aiutato la crisi. Leggi

In due anni Erdoğan ha costruito la terza repubblica turca

Il secondo anniversario del tentativo di colpo di stato e del suo insuccesso è stato celebrato in pompa magna, trattandosi del primo evento pubblico del nuovo governo entrato in carica dopo le elezioni. Leggi

pubblicità
Le due facce della vittoria di Erdoğan

In Turchia il malessere è grande, ma i risultati sono là e ormai è impensabile che vengano smentiti. Leggi

La Turchia va alle urne e si prepara alla crisi

Il 24 giugno nel paese si terranno le elezioni presidenziali e politiche. La vittoria di Erdoğan non è scontata, ma una cosa è certa: per chiunque vinca, governare non sarà facile. Leggi

Gli avversari di Erdoğan temono la sua sconfitta

Anche se è ancora molto popolare e controlla tv e giornali, Erdoğan potrebbe perdere le elezioni per la disastrosa situazione economica della Turchia. E l’opposizione potrebbe avere enormi difficoltà a governare. Leggi

Erdoğan mette alla prova la democrazia turca

Non esiste alcuna possibilità di un lieto fine per le elezioni di domenica prossima in Turchia. Leggi

Per Erdoğan il risultato delle elezioni non è scontato

Controlla i mezzi d’informazione e gode di una popolarità ancora consistente, ma il 24 giugno il presidente turco deve fare i conti con la concorrenza. Leggi

pubblicità
Le prossime elezioni cambieranno il volto della Turchia

Erdoğan si presenta come l’eroe che salverà la Turchia da tutti i suoi nemici e al tempo stesso “correggerà la storia”. Leggi

Erdoğan traballa e anticipa il voto

Lo schieramento conservatore si sfalda e il presidente turco vuole accelerare tutto, in un periodo di confusione diplomatica e debolezza economica. Leggi

Cosa farà la Turchia in Siria dopo Afrin

La conquista dell’enclave curda ha rafforzato politicamente Erdoğan e gli permette di consolidare la sua sfera d’influenza nella regione. È improbabile che Ankara faccia marcia indietro. Leggi

Il segreto del successo degli uomini forti

Vladimir Putin, Xi Jinping, Recep Tayyip Erdoğan e altri come loro si presentano come gli unici capaci di dare certezze, facendo leva sul nazionalismo e le paure per il futuro. Leggi

In Medio Oriente cambiano alleanze e tradizioni

Le guerre e le rivalità hanno cambiato la situazione: Bashar al Assad è scontento del sostegno turco, in Iran gli accademici alzano la voce e il clero saudita diventa moderato. Leggi

pubblicità