06 novembre 2014 12:15

Gli articoli pubblicati da Internazionale sono stati scritti, in grandissima parte, per lettori stranieri. E un articolo scritto da un argentino per gli argentini o da un russo per i russi dà in genere per scontate molte cose che i lettori italiani non sanno.

Per rendere la lettura comprensibile a un pubblico che l’autore dell’articolo non aveva previsto, a volte i redattori e i copy editor devono aggiungere informazioni al testo originale o semplificare esempi che altrimenti apparirebbero oscuri. È un compito delicato e ogni tanto chi interviene sbaglia: per rendere un’informazione più leggibile, finisce per banalizzarla e renderla perfino incomprensibile.

A pagina 76 dello scorso numero un giornalista dell’Atlantic racconta la sua vacanza al mare in un villaggio nudista della Croazia. “La spiaggia di Kvarner è più simile al giardino dell’eden che a una discoteca di New York”, scrive. Ma perché mai una spiaggia di nudisti dovrebbe somigliare a una discoteca di New York?

La spiegazione è rimasta nel testo originale: l’autore non parla di una generica discoteca, ma dello Studio 54, che negli anni ottanta diventò famoso in tutto il mondo per le sue serate in cui la nudità non era un tabù.

Questo articolo è stato pubblicato il 7 novembre 2014 a pagina 14 di Internazionale, con il titolo “Troppo facile”. Compra questo numero | Abbonati