Garanzie più severe

14 novembre 2013 14:00

Luigi Ferrajoli, Dei diritti e delle garanzie. Conversazione con Mauro Barberis

Il Mulino, 184 pagine, 15 euro

In Italia c’è un rapporto ingenuo e perverso tra cronaca e legislazione. Agli allarmi sui neo­nazisti si risponde istituendo il crimine di negazionismo; la perdurante violenza sulle donne provoca una legge che punisce in modo speciale il femminicidio; più in generale ogni problema suscita quasi automaticamente una “risposta penale” affrettata che dovrebbe ricondurre magicamente chi sbaglia sulla retta via.

Il giurista Luigi Ferrajoli la pensa in modo diverso, e da anni ritiene che per realizzare la giustizia occorra spostare l’accento dalle pene alle garanzie, cioè alle tecniche che permettono di tutelare i diritti fondamentali, quelli già stabiliti dalla costituzione. Nella sua visione il compito dei giudici è di vigilare a che le leggi esistenti siano compatibili con questi diritti, trasformando norme semplicemente vigenti in leggi effettivamente valide.

Così si difendono i soggetti, specie i più deboli, da minacce vecchie e nuove. Questa intervista-dialogo rende il suo pensiero luminoso più accessibile e costituisce una buona introduzione per passare alla lettura di testi più impegnativi come la sintesi

La democrazia attraverso i diritti (Laterza) e le sue opere maggiori. Leggendole ci si rende conto di quanto possa essere fertile la nozione di garantismo, una volta sottratta al ruolo strumentale in cui l’ha costretta la cronaca degli ultimi venti anni.

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Le notizie di scienza della settimana
Claudia Grisanti
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.