Elezioni democratiche

28 agosto 2009 15:31

È ufficiale, l’Afghanistan è un paese democratico come le nazioni occidentali. I candidati rivali s’insultano a vicenda, si accusano l’un l’altro di falsificare i voti, di scendere a patti con il crimine organizzato e di commettere brogli pur di essere eletti.

Il battibecco tra Hamid Karzai e Abdullah Abdullah, il suo ex ministro degli esteri, somiglia molto a quello tra democratici e repubblicani statunitensi nel 2000, quando George W. Bush e Al Gore si contendevano la presidenza. Per non parlare poi delle dispute elettorali passate e future di casa nostra.

A vent’anni dal crollo del muro di Berlino, il numero dei paesi democratici è cresciuto ovunque ma il rispetto dei politici per le regole della democrazia diminuisce di giorno in giorno, e presto scomparirà. Nessuno accetta “democraticamente” il principio dell’alternanza, c’è perfino chi vara leggi su misura per rimanere al potere ad infinitum e mettere a tacere la voce del popolo.

È naturale quindi che nessuno si fidi più del proprio sistema elettorale. A questo punto c’è da chiedersi perché ci si ostina a definire democratici questi governi quando nessuno ci crede più?

Internazionale, numero 810, 28 agosto 2009

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il Belgio vota per l’Europa ma non solo
Bernard Demonty
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.