Varsavia, Polonia, settembre 2018. (Kacper Pempel, Reuters/Contrasto)

Gli elettori polacchi non devono farsi imbrogliare

Varsavia, Polonia, settembre 2018. (Kacper Pempel, Reuters/Contrasto)
26 maggio 2019 09:11

Le elezioni del 26 maggio saranno un test nazionale per la Polonia, metteranno alla prova i miti, il camuffamento, la retorica e gli standard di razionalità. Ma saranno anche un’occasione per capire quanto è potente oggi la chiesa, che in Polonia rappresenta uno dei principali attori politici. Le elezioni europee ci diranno se la leggendaria influenza della chiesa sull’elettorato è stata compromessa dagli scandali di pedofilia o se, al contrario, i fedeli seguiranno i suggerimenti dei preti locali come soldati in una fortezza assediata.

Inoltre il voto chiarirà se davvero la strategia del partito Diritto e giustizia (PiS), che ha deciso di presentarsi come un agnello inoffensivo, si rivelerà vincente. Personalmente sono sicura che il lupo, una volta annunciati i risultati, getterà la maschera, nasconderà le bandiere dell’Unione e farà di tutto per trascinare la Polonia fuori dall’Europa unita o quantomeno per marginalizzare il paese all’interno dell’Unione non portando alcun rispetto per i suoi valori. Per il momento la cosiddetta tattica del “nascondere Macierewicz” (il numero due del PiS, con posizioni di estrema destra) ha funzionato, permettendo allo stesso Macierewicz di proporre le sue idee distruttive per il dopo elezioni.

Il voto rappresenterà un banco di prova anche per l’efficacia della retorica della Coalizione europea (alleanza dei partiti filoeuropei che comprende Piattaforma civica). Durante la campagna elettorale il leader di Piattaforma civica, Grzegorz Schetyna, nonostante diverse decisioni sbagliate nella composizione delle liste, ha utilizzato un linguaggio moderno e progressista, anche se durante gli anni trascorsi al potere il partito è apparso conservatore e vicino alla chiesa quando il PiS.

Il mio consiglio è il seguente: diffidate dei lupi travestiti da agnelli, perché sono artisti della truffa

Chiedersi quale partito presenta qualche differenza rispetto a quelli che erano al potere nel 1989 non è di grande consolazione. Il partito Primavera sarà messo alla prova per la prima volta, e merita grandi elogi per la sua freschezza, la sua laicità, il suo femminismo e le sue posizioni progressiste. Ma ci sono anche piccole critiche da muovergli: centralismo ed eccessiva notorietà (del leader) oltre alla mancanza di divulgazione pubblica.

Detto tutto questo, il test principale sarà sugli standard polacchi di razionalità. Quanti polacchi desiderosi di difendere gli interessi del paese nell’Unione voteranno per i nemici dell’Europa unita? Quanti sceglieranno bizzarri libertini in disgrazia, musicisti rock in pensione o neofascisti viziati della classe media?

La Polonia è un paese conosciuto per l’inclinazione a credere nei miracoli e nell’impossibile. Fino a che punto questa irrazionalità si tradurrà in strategie elettorali e contribuirà alla sconfitta del progetto di una Polonia europea? Il razionalismo troverà il modo di emergere? Lo scopriremo il 26 maggio. Il mio personale consiglio è il seguente: diffidate dei lupi travestiti da agnelli, perché sono artisti della truffa. Cercate di essere razionali. È un valore importante della cultura europea.

pubblicità

E soprattutto: votate per le donne. L’esperienza di tutti i giorni e la ricerca dimostrano che le donne sono più istruite, più aperte e tolleranti, hanno più rispetto per i diritti e hanno maggiori capacità di trattativa. Le donne non tendono verso i conflitti e le guerre. Al contrario, si interessano degli altri. Dato che portano in grembo i loro figli, si preoccupano per il futuro e non sono ossessionate dal passato come i vecchi scapoli e i giovani confusi.

Le liste elettorali contengono i nomi di molte donne fantastiche. Io voterò a Varsavia e sceglierò l’ex commissario europeo Danuta Hübner. Peccato che avrò solo un voto da spendere.

(Traduzione di Andrea Sparacino)

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

Il grande ritorno dei signori della guerra in Afghanistan
Jean-Pierre Filiu
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.