23 gennaio 2017 19:20


Maestro
Di Alexandre Valenti
Con Francesco Lotoro. Italia/Francia, 2016, 74’

Maestro (al cinema dal 23 gennaio) è un documentario che ricostruisce la storia di Francesco Lotoro, musicologo e pianista, che ha dedicato più di vent’anni a rintracciare, recuperare, trascrivere, eseguire e registrare la musica composta dalle vittime dei campi di concentramento e di sterminio durante la seconda guerra mondiale. Si tratta di un’impresa enorme, ancora in corso, che ha raccolto più di diecimila spartiti, molti su carta straccia o perfino su carta igienica, scritti in luoghi di tormento e di morte.

Gli autori erano per lo più ebrei, alcuni di loro protagonisti della musica europea tra gli anni venti e trenta, ma anche rom e polacchi cristiani. Tanta musica classica e d’avanguardia, tango e canti popolari ma soprattutto brani scritti per rendere sopportabile la prigionia, per sentirsi ancora umani. Lotoro ha viaggiato in Europa, Israele e Brasile per raccogliere le testimonianze dei pochi sopravvissuti e dei loro figli e per trovare, negli archivi e nelle case, spartiti rimasti ignorati per più di settant’anni. Secondo Lotoro c’è anche musica di altissima qualità. Un film geniale, a tratti molto commovente, girato con grande stile e sensibilità dal regista argentino Alexandre Valenti.

Questa rubrica è stata pubblicata il 20 gennaio 2017 a pagina 86 di Internazionale. Compra questo numero| Abbonati