31 agosto 2022 09:34

È difficile non interpretare l’attività dell’ultimo presidente dell’Unione Sovietica alla luce di ciò che è diventata oggi la Russia e soprattutto della guerra che Mosca conduce in Ucraina ormai da sei mesi.

Al potere dal 1985 fino alla fine dell’Urss nel 1991, Michail Gorbačëv non ne desiderava la scomparsa. Voleva solo umanizzarla e modernizzarla nel tentativo di salvarla. I suoi due progetti principali, la glasnost e la perestrojka, incentrati sulle libertà e sulla trasformazione economica, puntavano a far emergere un’Urss senza totalitarismo. Ma si trattava di un piano utopico. La scommessa è stata persa, per riprendere il titolo di un libro dell’ultimo portavoce di Gorbačëv, Andreij Graciev.

Alla fine l’Unione Sovietica è implosa, un evento storico accolto dagli occidentali e dai popoli europei come un miracolo inatteso e portatore di un’epoca di democrazia. Eppure oggi molti esponenti dell’homo sovieticus, gli uomini e le donne forgiati da decenni di comunismo, condividono l’opinione espressa in passato da Vladimir Putin secondo cui la morte dell’Urss è stata “la più grande catastrofe geopolitica del ventunesimo secolo”.

Fine della glasnost
Putin è diventato presidente della Federazione russa il 1 gennaio 2000, presentandosi inizialmente come l’antitesi a Boris Eltsin, responsabile della discesa all’inferno della Russia. Putin è stato scelto per risanare il paese, compito che ha portato a termine. I russi gliene sono stati riconoscenti.

In un secondo momento Putin è diventato anche l’antiGorbačëv costruendosi un’immagine di ex agente del Kgb virile e determinato e basando sull’autoritarismo e sull’antioccidentalismo della Russia il quadro ideologico del suo lungo regno.

L’Unione Sovietica è morta, ma il sovietismo le è sopravvissuto

Gorbačëv è uscito di scena quando Putin ha trasformato la Russia in una potenza autoritaria agli antipodi della glasnost, in guerra semidichiarata con l’occidente laddove il principale merito dell’ultimo presidente dell’Urss era stato quello di aver seppellito la guerra fredda. L’invasione dell’Ucraina è il punto d’arrivo di questa demolizione di fatto del sogno di Gorbačëv.

L’Urss è morta, ma il sovietismo le è sopravvissuto. Putin sfrutta questo sentimento per ridurre al silenzio i critici sul fronte interno e per imporre il rispetto e la riverenza a quella che considera come la sfera d’influenza naturale della Russia. L’Ucraina e la sua tentazione europea non hanno spazio in questa visione del mondo.

pubblicità

Gorbačëv aveva scelto di consentire all’ex blocco sovietico di emanciparsi e aveva un progetto che avrebbe dovuto trascendere i blocchi, quello della “casa comune europea”. Gli occidentali non lo hanno seguito, soddisfatti di aver ottenuto la fine della guerra fredda e poi anche la fine dell’Urss.

È questo malinteso, questo “imbroglio” del 1991, che ancora oggi viene rimproverato a Gorbačëv dai suoi critici russi. Per questo motivo il suo nome è venerato in occidente ma disprezzato in Russia. La sua morte, in piena guerra in Ucraina, ne è il simbolo definitivo.

(Traduzione di Andrea Sparacino)