Il teatro che racconta la società

18 dicembre 2014 18:36

Rinnovare un premio che ha più di trent’anni senza tradirne la storia e l’identità. È quello che sta tentando di fare l’associazione Ubu per Franco Quadri, che dal 2012 dà continuità al patrimonio lasciato dal grande critico teatrale italiano. Sul più importante riconoscimento del teatro italiano c’è stato, e c’è ancora, un animato dibattito, per lo più interno al settore.

Ci si interroga sulle categorie, sulla composizione della giuria, sui profili dei votanti, sui meccanismi insomma. E bisogna dire che all’edizione 2014 il premio Ubu, ideato da Franco Quadri nel 1979, si presenta in parte rinnovato. Si aggiungono nuove voci e le categorie tradizionali subiscono modifiche, per esempio i nuovi attori sono under 35 e non più under 30.

Si cerca di rendere conto sia del mutato panorama teatrale che dei cambiamenti sociali, come l’innalzamento della soglia di età per i giovani, che investe anche quest’ambito lavorativo. Tanto che fra i vincitori ci sono artisti considerati emergenti, a dispetto di un’età che oscilla tra i quaranta e i cinquant’anni e di percorsi ventennali. Parliamo di Roberto Latini, di Arianna Scommegna e di Emma Dante, prima donna (dopo Carmelo Bene, Toni Servillo, Luca Ronconi) a ritirare un doppio premio, per la regia e per il miglior spettacolo.

Se gli Ubu, dunque, rendono conto del multiforme panorama del teatro italiano, rintracciando nuove tendenze e future prospettive, fotografano anche la nostra società. E non è un caso che a vincere come novità italiana o ricerca drammaturgica sia uno degli spettacoli più interessanti visti nella scorsa stagione, Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini, che partendo dalla crisi greca punta l’obiettivo sulla recessione italiana.

In questo tempo politicamente, economicamente, lavorativamente incerto, abbiamo bisogno di artisti capaci di dialogare con l’instabilità dell’oggi e con la precarietà delle nostre vite.

Spettacolo dell’anno
Le sorelle Macaluso
Regia di Emma Dante

Miglior progetto artistico o organizzativo
e la volpe disse al corvo
Corso di Linguistica Generale. Il teatro di Romeo Castellucci nella città di Bologna
A cura di Piersandra Di Matteo
Comune di Bologna/Socìetas Raffaello Sanzio

Miglior regia
Emma Dante per Le sorelle Macaluso

Miglior allestimento scenico
Alessandro Marzetti, Silvia Bertoni, Armando Punzo per Santo Genet Commediante e Martire

Miglior progetto sonoro o musiche originali
Gup Alcaro per Quartett

Miglior attore o performer
Roberto Latini in Il servitore di due padroni

Miglior attrice o performer
Arianna Scommegna in Il ritorno a casa

Nuovo attore, attrice o performer (under 35)
Licia Lanera

Nuovo testo italiano o ricerca drammaturgica
Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni di Daria Deflorian eAntonio Tagliarini

Nuovo testo straniero
Frost/Nixon di Peter Morgan

Miglior spettacolo straniero presentato in Italia
Glaube Liebe Hoffnung di Ödön von Horváth, regia Christoph Marthaler

Premio speciale Ubu 2014
Compagnia Marionettistica Carlo Colla e figli

Premio Franco Quadri
Frie Leysen

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

In diretta dal carcere
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.