Dichiarazione dei redditi

15 febbraio 2013 12:00

Per chi ha cominciato a lavorare in proprio nel corso dell’ultimo anno è arrivato il momento di pagare le tasse. Nelle prossime settimane dovrà fare la dichiarazione dei redditi, calcolare quanto ha guadagnato e valutare se ne è valsa la pena. Negli uffici in cui si trovano i moduli per i pagamenti si formano lunghe file fin dalla mattina.

Ci sono persone che hanno guadagnato bene e altre che ci hanno rimesso. Non è una sorpresa, considerata la mancanza di formazione contabile e imprenditoriale. Una parte dei cubani che hanno aperto bar, videoteche, negozi di musica o centri di estetica deve ammettere che le cose non sono andate bene. A Cuba, oggi, lavorano nel settore privato quasi 400mila persone. Un numero ancora basso se paragonato ai dipendenti pubblici.

Le piccole iniziative private hanno ottenuto visibilità grazie alla loro qualità, alla dedizione e all’ingegno, ma non è tutto rosa e fiori. La mancanza di un mercato all’ingrosso, le tasse alte e la scarsa formazione imprenditoriale ostacolano il settore privato emergente. Inoltre molti usano il lavoro autonomo per risparmiare e poter emigrare.

Quando hanno i soldi per il passaporto e il visto, chiudono l’attività. Eppure qualcosa sta cambiando. Anche il nervosismo per le tasse è un’esperienza nuova che crea atteggiamenti sconosciuti. L’autonomia economica sta portando all’autonomia politica, e né le tasse né il numero eccessivo d’ispettori riusciranno a evitarlo.

Traduzione di Francesca Rossetti

Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.
pubblicità

Articolo successivo

L’identità non esiste ma il potere la usa
Paul B. Preciado
Sostieni il giornalismo indipendente
Se ti piace il sito di Internazionale, aiutaci a tenerlo libero e accessibile a tutti con un contributo, anche piccolo.