07 aprile 2014 17:31

Una domanda da una donna etero. Non ne ho mai parlato con nessuno perché è una cosa strana e un po’ schifosa. C’è di mezzo la cacca, per cui non è esattamente sexy (senza offesa per gli amanti dello scat). Dopo essere andata al gabinetto, io mi tiro su i jeans. Quando comincio a chiudere la cerniera, evidentemente la cucitura mi preme sul clitoride, perché quello che provo si può descrivere soltanto come un intenso miniorgasmo. È chiaramente collegato al fatto di aver appena fatto la cacca, perché succede solo in quei casi. Mi ritrovo in piedi nel bagno, a reggermi i pantaloni con le mani paralizzate sulla cerniera, gli occhi semichiusi, premendomi delicatamente i jeans contro l’inguine mentre il mio clitoride sforna una serie di intensi spasmi orgasmici non richiesti.

Non è un orgasmo completo, ma una decina di rapide e forti contrazioni di piacere nella zona del clitoride. Quando mi capitano questi orgasmi me li godo, anche se per ovvie ragioni è un segreto che tengo per me. Non mi sto lamentando, sono solo curiosa di sapere se ne hai mai sentito parlare e se sai perché succede. È un’esperienza che capita anche ad altre persone?

– Possibly Odd Or Perhaps Curious Orgasm Mostly Enjoyed Regularly

Ho fatto leggere la tua lettera alla dottoressa Debby Herbenick, ricercatrice presso l’Indiana university, docente di educazione sessuale al Kinsey institute, autrice di Great in bed e di altri libri sulla sessualità. La sua risposta in breve: “I genitali sono fonti di piacere magiche e misteriose”.

Ed ecco la risposta lunga, ben più soddisfacente: “Esistono altri casi documentati di persone che raggiungono l’orgasmo facendo la cacca. La maggior parte si trova nei forum in rete, ma alcuni sono approdati anche alla letteratura medica e scientifica. A quanto pare, questi ‘orgasmi indotti dalla defecazione’ sono più comuni di quelli indotti dalla pipì, ma si verificano entrambi”.

Ok, ma perché si verificano quelli indotti dalla defecazione?

“Non è del tutto chiaro, ma ci sono alcune possibilità”, spiega la dottoressa Herbenick. “Il nervo pudendo — che è uno tra i responsabili dell’orgasmo — è collegato non solo alla vagina e alla cervice, ma anche al retto e alla vescica. Un’altra possibilità è l’interazione tra i nervi. In sostanza, l’apparato genitale e quello escretore sono adagiati l’uno contro l’altro, e alcuni nervi (come per esempio il nervo pudendo) interessano più di un apparato. Ecco perché a volte le sensazioni e i messaggi trasportati dai nervi possono confondersi un po’. Alcune donne, per esempio, possono provare dolore alla vagina per via di problemi alla vescica. Allo stesso modo, c’è chi riferisce di aver provato orgasmi genitali in seguito alla stimolazione di parti limitrofe, e si pensa che questo sia dovuto all’interazione tra i nervi”.

Vuoi mettere a tacere un seguace del creazionismo e del cosiddetto disegno intelligente? Chiedigli di difendere la vicinanza inappropriata dell’apparato escretore e quello riproduttivo dopo avergli fatto googlare “fistola ostetrica”.

“Non è detto che POOPCOMER sia contenta di raggiungere l’orgasmo facendo la cacca”, prosegue la dottoressa Herbenick, “ma è sempre meglio del caso opposto: fare involontariamente la cacca durante l’orgasmo. Succede anche questo”.

Seguite la dottoressa Herbenick su Twitter: @DebbyHerbenick.

(Traduzione di Matteo Colombo)